Israele condanna attivista diritti umani a 10 anni di prigione

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Domenica scorsa, 30 gennaio, un tribunale israeliano di Haifa ha condannato a 10 anni di detenzione Ameer al-Makhoul, attivista per i diritti umani palestinese, residente ad Haifa.

Al-Makhoul è direttore generale di “Ittijah”, l'Unione delle Associazioni Arabe di base, e presidente del Comitato pubblico per la Protezione delle Libertà politiche.

Israele lo sospettava di “azioni minatorie la sicurezza del Paese, intrattenendo rapporti con agenti stranieri e membri di Hezbollah”. Al-Makhoul, quindi, è stato accusato di “spionaggio“.

“Il clima politico in Israele è tale da non aver favorito un allentamento sul caso di al-Makhoul”, hanno commentato i suoi colleghi, il giorno dopo la sentenza.

“Siamo nel mirino di atti razzisti espressi via giudiziaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.