Israele confisca 3 ettari per allargare il check point del campo profughi di Shufat

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

Gerusalemme – Infopal. Ieri il Tribunale Superiore israeliano ha confermato una precedente sentenza, emessa dal Tribunale Centrale, relativa alla confisca di 3 ettari di terreni palestinesi nella zona del campo profughi di Shufat, a Gerusalemme.

La sentenza è a favore dell’allargamento del check point israeliano vicino all’ingresso del campo profughi, al centro della città occupata di Gerusalemme. Questa decisione porterà all’isolamento di più di 45 mila cittadini gerusalemitani abitanti nel campo profughi di Shufat e nei quartieri as-Salam, Ras Shahada e Ras Khamis, così come provocherà la demolizione di più di trenta tra esercizi commerciali e magazzini nella zona.

Hatem Abdelqader, consigliere del Primo Ministro per gli affari di Gerusalemme, ha definito questa sentenza un nuovo anello che si aggiunge alla catena dei crimini commessi dalle autorità israeliane contro i palestinesi di Gerusalemme e le loro terre, un’ulteriore escalation nelle pratiche messe in atto dall’occupazione per opprimere i cittadini e circondare la città, isolandola completamente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.