Israele continua a mantenere chiusi i principali valichi di frontiera per Gaza

Ramallah. Per il 16° giorno consecutivo, Israele ha continuato a chiudere il valico di frontiera di Rafah e il valico commerciale di Karem Abu Salem, nel sud della Striscia di Gaza, tra gli avvertimenti di una catastrofe umanitaria.

Il 6 maggio, le forze di occupazione hanno controllato il lato palestinese del valico di frontiera di Rafah e hanno interrotto il flusso di aiuti verso la Striscia di Gaza.

Anche il valico commerciale di Kerem Abu Salem, a sud-est della città di Rafah, è stato chiuso dall’occupazione dal 5 maggio, impedendo l’ingresso di aiuti umanitari e medici nella Striscia.

Le forze di occupazione hanno vietato l’ingresso di oltre 3 mila camion di aiuti nella Striscia e hanno impedito a circa 700 malati e feriti di lasciare la Striscia di Gaza assediata per ricevere cure all’estero, secondo quanto riportato da fonti media locali.

Domenica, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che “le forniture di medicinali essenziali e di carburante sono molto scarse nella Striscia di Gaza e la circolazione è limitata a causa delle restrizioni di sicurezza [imposte dall’occupazione israeliana]”.

(Fonti: Wafa, Quds News).

(Foto di archivio)

Traduzione per InfoPal di F.L.