Israele crea nuovi posti di blocco in molte strade e incroci nel nord della Cisgiordania

Ramallah – Quds Press. Un rapporto della polizia dell’Autorità palestinese nella Cisgiordania occupata ha confermato le aggressioni israeliane delle ultime 12 ore contro le aree a nord.

Il rapporto ha aggiunto che le forze di occupazione hanno eretto un posto di blocco presso un incrocio nella colonia di Qadumim e un altro all’ingresso orientale nella città di Qalqilia, che è stato rimosso successivamente. Secondo il rapporto palestinese non ci sono stati arresti.

Un’ulteriore barriera è stata posta, e poi rimossa, all’ingresso della cittadella di Qarawa Bani Hassan nella zona di Salfit, anche in questo caso senza arresti.

Nella città di Hebron (al-Khalil), a sud della Cisgiordania occupata, le forze di occupazione disposto un blocco all'incrocio con Kharsa e un altro all’ingresso del campo profughi Al Fuwar. Mentre a Gerico (Ariha), il rapporto riferisce di un blocco all’ingresso settentrionale della città.

Le barriere militari sono tra le sfide quotidiane più dure che i palestinesi devono affrontare nella Cisgiordania occupata. In tutti questi anni, secondo la testimonianza di diversi gruppi di difesa dei diritti dell’uomo, esse hanno causato l’isolamento dei villaggi, facendo in modo che spostarsi dall’uno all’altro richieda ore anziché minuti.

(Traduzione per Infopal a cura di Zouhair Elyoubi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.