Israele detiene 11 parlamentari di Hamas in Cisgiordania

Cisgiordania. Lunedì 14 luglio, le forze israeliane hanno sottoposto a fermo 11 parlamentari di Hamas a Nablus, Jenin e Salfit, secondo quanto hanno reso noto i funzionari della sicurezza.  

Il parlamentare Daoud Abu Sir è trattenuto a Nablus, con An-Najah e il professore universitario Abdul Sattar Qasim.

Omar Abdul-Raziq, un membro di Hamas e del Consiglio legislativo palestinesi, è trattenuto in Salfit.

Sette veicoli militari israeliani hanno attaccato la cittadina di Idhna, a Hebron, e hanno arrestato Muhammad Mutliq Abu Juheisha, mentre Nayif Rajoub è detenuto a Dura.

Riyad al-Imlah è trattenuto Nablus, Khalid Said al-Dahbour a Jenin, Riyad Radad e Fathi al-Qaraawi a Tulkarem, Fadel Hamdan a Ramallah e Muhammad al-Tall a Hebron.

Lunedì è stato arrestato anche il professore dell’Università di Najah, Abdulsattar Qassem, di Hebron.

Il numero dei palestinesi imprigionati in Israele ammonta ora a 34, 23 dei quali arrestati sin dalla prima metà di giugno.

Infine altri 10 Palestinesi sono stati sequestrati durante un raid notturno a Hebron. Si tratta di Ulayyan Khader al-Qawasmi, Tamir Fawwaz al-Tawil, Anwar Suleiman al-Joulani, Tariq al-Tawil, Arafat al-Qawasmi, Jaafar al-Qawasmi e Wahib Walid Natshah, Adnan al-Zarou e Anwar Abdul-Rahim al-Joulani.

A giugno, Israele ha promosso una campagna orientata alla distruzione di Hamas che ha anche accusato di aver rapito ed ucciso 3 giovani israeliani. Hamas ha categoricamente smentito ogni proprio coinvolgimento.

Più di 600 palestinesi sono stati sottoposti a fermo durante la campagna, inclusi degli ex prigionieri e quelli rilasciati nel 2011 in seguito ad uno scambio di prigionieri.

Più di 170 degli arrestati i sono stati condannati alla detenzione amministrativa, di questi le forze israeliane ne hanno uccisi 6 durante gli arresti.

Traduzione di Annamaria Scotto