Israele dichiara che impedirà alla Freedom Flotilla 2 di raggiungere Gaza

 

Imemc. La marina israeliana ha dichiarato di aver imparato una lezione dall’”incidente” della Freedom Flotilla 1 dello scorso anno, in cui nove civili furono uccisi a causa dell’assalto israeliano alle navi della flotta. Ha comunicato, inoltre, che si concentrerà sulle misure di prevenzione delle rivolte e che utilizzerà la forza solo come “ultima risorsa” contro la “Freedom Flotilla 2”, che salperà questo mese.

Secondo i membri di JPost, la polizia israeliana e gli addetti alle carceri, addestrati a reprimere le rivolte civili, saranno incaricati di fermare la flotta di aiuti umanitari, con l’ausilio dei commando Shayetet 13.

La flotta di quest’anno avrà il doppio delle navi rispetto a quella del 2010. Il suo motto sarà “Stay Human”, in onore dell’attivista per la pace italiano Vittorio Arrigoni, ucciso a Gaza ad aprile.

Sia il segretario generale dell’ONU, Ban Ki Moon, sia il primo ministro canadese, hanno chiesto alla flotta di non partire, temendo il ripetersi delle uccisioni dello scorso anno.

Il premier canadese, John Baird, filoisraeliano, ha esortato la sezione canadese della flotta, la “Canadian Boat to Gaza”, a ritirarsi dalla Freedom Flotilla 2, affermando che “sforzi non autorizzati di recapitare aiuto risultano provocatori e, in definitiva, inutili per il popolo di Gaza”. Gli organizzatori canadesi della flotta hanno respinto il “consiglio”.

Ban Ki Moon ha chiesto agli Stati del Medio Oriente di ostacolare la Freedom Flotilla 2.

La flotta cercherà di rompere l’assedio imposto da Israele sui Territori Palestinesi di Gaza.  Secondo indicazioni israeliane, nessuna imbarcazione potrà varcare il limite, posto a 20 km da Gaza, senza il permesso di Israele. La Freedom Flotilla 1, in ogni caso, era molto lontana dal limite quando è stata attaccata dai commando israeliani e dirottata verso il porto di Ashdod.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.