Israele e la sottrazione degli organi dai cadaveri palestinesi: la Svezia annulla visita a Tel Aviv.


Il ministro degli Esteri svedese, Carl Bildt, ha cancellato una visita in Israele a seguito delle notizie diffuse in questi giorni, secondo cui i soldati israeliani ruberebbero gli organi interni dai cadaveri dei prigionieri palestinesi.

In queste settimane, diversi mezzi di informazione stanno denunciando con insistenza tale mostruosa pratica, in uso da diverso tempo da parte dell'esercito di Israele (“il più morale del mondo”, secondo la propaganda statale).

In un comunicato stampa diffuso lo scorso sabato, Bildt ha affermato che la “cattiva tempistica” è la ragione che ha imposto di annullare la visita programmata per l'11 settembre.

Le relazioni tra lo stato sionista e la Svezia si sono incrinate a metà agosto, quando il quotidiano “Aftonbladet” aveva pubblicato un report che riferiva delle accuse palestinesi riguardanti la sottrazione di organi, da parte dell'esercito israeliano, a cittadini assassinati.

I dirigenti di Israele avevano chiesto al governo israeliano di condannare il servizio giornalistico, ma la Svezia si era rifiutata sottolineando che ciò avrebbe violato la libertà di informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.