Israele ha deciso di uccidere Haniyah, az-Zahhar e Mishaal.

Gaza – Infopal

dal nostro corrispondente

Fonti palestinesi hanno confermato che uno Stato europeo ha informato il governo guidato da Ismail Haniyah che Israele ha elencato i tre nomi di spicco del movimento Hamas da eliminare: il capo dell’ufficio politico, Khaled Misha’al; il premier Haniyah; il dirigente ed ex ministro degli esteri, Mahmud az-Zahar.

Il giornale londinese al-Hayat, che ha riportato la notizia nel suo numero di ieri , domenica, hanno aggiunto che Israele ha rimandato la realizzazione del piano di eliminazione dei tre dirigenti a dopo la fine della visita di Bush, avvenuta la settimana scorsa.

Le fonti hanno riferito che "il governo palestinese e il movimento di Hamas prendono sul serio le minacce israeliane", e che i tre dirigenti hanno preso misure di sicurezza senza precedenti.

Giovedì scorso, il presidente americano George Bush ha visitato la Cisgiordania e ha incontrato il presidente Mahmud Abbas. Al termine della riunione, durata due ore, hanno stabilito che è necessario perseguitare la resistenza e garantire l’applicazione della Road Map.

Le fazioni palestinesi hanno lanciato l’allarme di un’escalation israeliana dopo la visita di Bush, che potrà comprendere l’eliminazioni fisica di dirigenti palestinesi, in particolare di Hamas.
In precedenza, Israele aveva tentato di uccidere Haniyah, Misha’al e az-Zahar, senza riuscirci. Tuttavia, le operazioni di assassinio mirato avevano avuto successo con altri, per esempio con il fondatore di Hamas, shaikh Ahmad Yassin.

La notizia da altre fonti.

http://www.arabmonitor.info/news/dettaglio.php?idnews=21998&lang=it
Hamas informato dell’esistenza di un piano israeliano per assassinare i dirigenti del
movimento.

Gaza, 13 gennaio – Israele avrebbe pronto un piano per assassinare tre dirigenti di Hamas:
il primo ministro deposto da Abu Mazen Ismail Haniye, l’ex ministro degli Esteri Mahmoud
al Zahar, entrambi residenti nella striscia di Gaza, e il capo dell’Ufficio politico
Khaled Meshal, in esilio in Siria. Il piano, di cui Hamas sarebbe stato informato da
alcuni Paesi europei, attende che George W. Bush completi il suo viaggio nel mondo arabo prima che venga reso operativo. A riferirlo è stato il quotidiano arabo Al Hayat, di
proprietà saudita, pubblicato a Londra, con buone entrature nei servizi segreti di alcuni
Paesi dell’Ue, anche importanti. Stando al giornale i servizi di sicurezza di Hamas hanno
preso molto seriamente la minaccia.

E’ noto che in anni recenti Israele ha compiuto diversi assassini terroristici, eliminando
il leader spirituale di Hamas Sheikh Ahmed Yassin, che era legato a una sedia a rotelle,
successivamente Abdel Aziz al Rantisi, uccisi entrambi nella striscia di Gaza. Khaled
Meshal è stato oggetto di un tentato assassinio terroristico ad opera del governo di
Benjamin Netanyahu nel 1996 ad Amman, ma venne salvato. Ismail Haniye è stato nel mirino della sicurezza collaborazionista di al Fatah diretta da Mohammed Dahlan nel 2006, quando tornò nella striscia di Gaza da un viaggio all’estero. Mohammed al Zahar è riuscito a sopravvivere qualche anno fa a un bombardamento della sua abitazione nella striscia di
Gaza in cui alcuni familiari persero la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.