Israele ha fermato il rifornimento di cemento alla Striscia di Gaza per ‘motivi di sicurezza’.

Gaza – Infopal. Nabil az-Zaim, direttore generale della ditta gazese che importa cemento, ha fatto sapere che, dalla fine della settimana scorsa, l’azienda israeliana che rifornisce la Striscia di Gaza ha interrotto le consegne. La sicurezza israeliana, infatti, ha proibito l’ingresso di cemento per "ragioni di sicurezza".

Az-Zaim ha precisato che la quantità di cemento che raggiunge la Striscia non supera il 10% del fabbisogno effettivo. E ha aggiunto che da agosto, quando Israele aveva autorizzato il rifornimento, sono entrate circa 20 mila tonnellate, "sufficienti neanche per dieci giorni".

Va ricordato che i bombardamenti israeliani e le continue aggressioni dell’esercito hanno distrutto molti edifici della Striscia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.