Israele ha iniziato a tagliare la fornitura di carburante alla Striscia. Nei prossimi giorni è previsto anche il black-out elettrico.

Da ieri, Israele ha iniziato a ridurre la fornitura di energia alla Striscia di Gaza. 

Il direttore del Centro di distribuzione carburante di Nahal Oz, Nehro Hisamawi, ha dichiarato che Israele ha ridotto la fornitura di diesel del 14%.

La settimana scorsa, il ministro della difesa israeliano Ehud Barak ha approvato un piano per tagliare elettricità e carburante alla Striscia come strategia per impedire il lancio di missili da parte della resistenza palestinese.

Il ministro ha fatto sapere che il taglio dell’erogazione di corrente elettrica partirà nei prossimi giorni.

Le Nazioni Uniti hanno sollecitato le autorità israeliane a non tagliare il rifornimento di carburante ed elettricità alla Striscia, dove la crisi umanitaria si fa sempre più devastante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.