Israele nega l'ingresso a un ispettore delle Nazioni Unite incaricato di indagare sulla violazione dei diritti palestinesi.

Tel Aviv – Infopal

Fonti di informazione israeliane hanno riferito che le autorità israeliane hanno impedito a Richard Pollack, ispettore internazionale, di entrare in Israele: aveva dichiarato che le aggressioni israeliane contro i palestinesi sono come i “crimini nazisti”.

Ieri sera, la radio israeliana ha riferito che il governo di Tel Aviv aveva presentato una richiesta al Consiglio internazionale per i Diritti umani delle Nazioni Unite affinché inviasse un ispettore per indagare sul problema del lancio dei missili della resistenza palestinese contro le colonie a ridosso della Striscia di Gaza.
Il Consiglio internazionale ha incaricato Pollack di svolgere indagini sulle violazioni dei diritti dei palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, Muro dell’Apartheid compreso. Ma Israele gli ha impedito di entrare.

Responsabili europei hanno affermato che Israele "non collabora con le Nazioni Unite, non è interessato a rispettare le risoluzioni che riguardano la questione palestinese e non dà importanza ai diritti dei palestinesi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.