Israele non gradisce l’ultima decisione Unesco sui luoghi santi e sospende i rapporti

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il governo israeliano annuncia la sospensione di ogni relazione bilaterale con l'Agenzia delle Nazioni Unite per l'educazione la scienza e la cultura (Unesco) dopo che l'organo internazionale si era rifiutato di annoverare tra il patrimonio ebraico, i siti religiosi musulmani di al-Khalil (Hebron), con riferimento alle Moschea al-Ibrahimi, Bilal Ibn Ribah e altri siti.

Il 20 ottobre scorso, in una riunione dell'esecutivo Unesco, era stata adottata l'ultima decisione insieme alla pubblica condanna per i lavori di scavo israeliani ad al-Quds (Gerusalemme), ma si erano anche ammesse le difficoltà di vita nella Striscia di Gaza e il cattivo stato dell'istruzione in Cisgiordania e Gerusalemme, tutto in conseguenza dell'occupazione israeliana.

Il vice ministro degli Esteri israeliano, Danny Ayalon, ha sostenuto che la decisione comporterà delle conseguenze politiche e ha promesso che il suo governo non cederà fino a quando l'Unesco non cambierà opinione, in particolare sulla Tomba di Rachele (moschea Bilal Ibn Ribah).

“Si delegittima Israele, si avranno pesanti ripercussioni al processo di pace”, ha dichiarato Ayalon.

Articoli correlati:

http://infopal.it/leggi.php?id=16410

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.