Israele offre appalti per la costruzione di altri insediamenti in Cisgiordania

Maaleh Adumim Settlement - Foto Aerea - Arabs48

(Insediamento di Maaleh Adumim. Foto di Arabs48)

Cisgiordania – Imemc. Il ministro per la pianificazione abitativa israeliano, Ariel Atias, del partito fondamentalista Shas, ha dichiarato martedì che Israele pubblicizzerà gli appalti per la costruzione di centinaia di unità di insediamenti ebraici nella Cisgiordania occupata.

Atias ha dichiarato che il suo ministero metterà sul mercato un totale di quasi 2.000 unità negli insediamenti in Cisgiordania. 

Il sito di informazione Arabs48 ha riportato che Atias ha deciso di accelerare quattro piani di costruzione degli insediamenti: uno nella  Gerusalemme Est occupata; tre negli insediamenti di Ma'ale Adumim, Efrat e Har Adain, in Cisgiordania.

Il ministero per la pianificazione abitativa israeliano e altri comitati di pianificazione del governo hanno già rilasciato i permessi di costruzione per 1.953 unità. Una volta che gli appalti saranno resi pubblici e conclusi, la costruzione avrà inizio. 

All'inizio di questo mese, il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha tenuto una riunione con il gabinetto ministeriale ristretto, e dato istruzioni per accelerare la costruzione di insediamenti in Cisgiordania, “che resteranno sotto il controllo israeliano in qualsiasi futuro accordo di pace”.

Lunedì, il gabinetto israeliano ha deciso di tenere il denaro delle tasse che Tel Aviv raccoglie per conto dell'Autorità palestinese ai terminal di frontiera, al fine di punire i palestinesi per l'adesione all'Unesco. 

Il gabinetto ha anche deciso di intensificare tutte le costruzioni degli insediamenti e dei piani di espansione nei territori occupati, compresa nella Gerusalemme Est annessa illegalmente. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.