Israele porta avanti disegno di legge per rimuovere le forme di controllo del governo

(Foto: Wikipedia).

Tel Aviv – MEMO. Il Comitato per la Costituzione, la Legge e la Giustizia della Knesset israeliana ha fatto avanzare mercoledì sera il “disegno di legge sulla ragionevolezza” alla plenaria del parlamento per le letture finali, dopo aver votato per la sua approvazione.

La Knesset ha dichiarato in una nota che nove membri del comitato hanno votato a favore della legge, la quale impedisce alla Corte Suprema israeliana di occuparsi delle decisioni prese dai parlamentari eletti, mentre sette membri si sono opposti.

Tuttavia, il disegno di legge, che fa parte del controverso piano di riforma giudiziaria, deve ancora essere votato in seconda e terza lettura prima di diventare legge che, secondo il Times of Israel, si prevede verrà approvato e trasformato in legge lunedì o martedì prossimi.

La votazione è avvenuta dopo una sessione maratona con quasi 28 mila riserve presentate dagli oppositori del disegno di legge.

Durante le discussioni sul disegno di legge, i membri dell’opposizione hanno gridato “vergogna” ed il membro del Partito Laburista, Gilad Kariv, è stato costretto ad uscire dalla stanza dopo aver agitato immagini della Corte Penale Internazionale (ICC) e aver accusato il presidente del Comitato per la Legge e la Giustizia della Knesset, Simcha Rothman, di trascurare i soldati israeliani.

“Quella che è attualmente sul tavolo è una cattiva legge che viola i diritti fondamentali dei cittadini israeliani e potrebbe danneggiarne anche la sicurezza”, ha detto la deputata di Yisrael Beiteinu, Yulia Malinovsky.

“Non è troppo tardi per aprire il testo a revisione perché ciò che è attualmente nel testo svuota completamente il sistema giuridico e priva i cittadini di Israele di ogni strumento per affrontare l’arroganza dei politici”, ha aggiunto il legislatore.

E’ quanto avvenuto dopo che la lettura iniziale del disegno di legge sulla ragionevolezza è stata approvata, la settimana scorsa, durante la quale 64 deputati hanno votato a favore, mentre 56 dei 120 membri della Knesset si sono opposti.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.