Israele progetta costruzione di un’isola artificiale al largo delle coste di Gaza

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. La televisione israeliana ha rivelato un piano del governo israeliano per la costruzione di un'”isola artificiale” al largo delle coste della Striscia di assediata. L'area interessata sarà una sezione in mare tra la zona dell'aeroporto e quella del porto di Gaza.

Il progetto non è nuovo: già tre mesi fa, il ministro dei Trasporti israeliano, Ya'akov Katz, aveva incontrato il consenso del premier Benjamin Netanyahu e del presidente dello Stato di Israele, Shimon Peres, quando aveva proposto loro l'adozione di misure per liberare – una volta per tutte – il governo israeliano dall'esercizio del controllo sul traffico commerciale di Gaza. La richiesta di Katz, dà per inteso che il blocco navale sul territorio costiero palestinese continui ad essere mantenuto.

Lunga 4 km e larga 2, l'isola sarà collegata alla terra ferma (alla Striscia di Gaza) da un ponte di 4 km.
I costi preventivati per la sua realizzazione si aggirano tra i 5 e i 10 miliardi di dollari e il progetto dovrebbe essere completato in un periodo di tempo che va dai 6 ai 10 anni.

Secondo i progettisti israeliani, la gestione dell'isola spetterà all'Autorità palestinese (Anp) di Mahmoud 'Abbas e non al governo di Hamas, il quale attualmente gestisce gli affari commerciali della Striscia di Gaza.

Inoltre, gli israeliani prevedono una forza internazionale Nato per la supervisione sugli individui che lavoreranno sull'isola e sulle merci, ma anche per impedire attività di contrabbando.

(Nella foto: plastico del progetto. Al-'Arabiyah).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.