Israele progetta una nuova porta nelle mura di Gerusalemme

Imemc e agenzie. Israele sta preparando un vasto progetto che, stando a quel che si dice, rinnoverà diversi settori della Città Vecchia occupata di Gerusalemme, ed aprirà anche una nuova porta nelle mura della Città per la prima volta dal 1898. Il giornale israeliano Haaretz riferisce che il piano è stato approntato dall'architetto David Shriki e tracciato dal collega Gavriel Kertesz. Il progetto è stato quindi presentato alla Commissione municipale per la Pianificazione e le costruzioni, ed ha come obiettivo quello di facilitare l'accesso alla Western Wall Plaza. Se arriverà ad essere attuato, verrà scavata una galleria sotto tutti gli strati della Città Vecchia La nuova porta costituirebbe infatti l'entrata di un nuovo tunnel, che partirebbe dalla Porta dei Maghrebini fino ad arrivare a un parcheggio sotterraneo di quattro piani costruito sotto l'attuale parcheggio in superficie, situato vicino alle mura occidentali. La struttura accoglierebbe fino a un massimo di 600 veicoli circa. Nonostante la portata dei lavori, Israele sostiene che non intaccheranno le fondamenta e gli strati archeologici della città. L'anno 1898 segnò l'ultima volta in cui venne praticata un'apertura nelle antiche mura di Gerusalemme, quando l'Impero Ottomano le sfondò vicino alla porta di Giaffa per permettere il passaggio del carro del kaiser tedesco Guglielmo II, in visita alla città. Il comune di Gerusalemme ha tuttavia ammesso che uno dei principali ostacoli al piano è l'alta spesa prevista, dell'ordine di milioni di dollari. Haaretz ha quindi precisato che il nuovo progetto ha lo scopo di accogliere meglio le migliaia di turisti e visitatori che vengono a vedere le mura occidentali, e ha però incontrato l'opposizione sia degli abitanti ebrei del Quartiere Ebraico, sia dei leader islamici. Un'altra complicazione è rappresentata dalla necessità di perforare la dura pietra: un lavoro che costerebbe milioni di shekel. Secondo Haaretz, la Commissione municipale non ha ancora deliberato sulla questione, e le discussioni proseguiranno la settimana prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.