Israele rifiuta la proposta del presidente palestinese Abbas di fare un incontro mondiale per la pace.

Dal nostro corrispondente.

Il governo israeliano ha rifiutato la proposta presentata dal presidente palestinese Mahmoud Abbas di organizzare un incontro mondiale per la pace nel Medio Oriente. 
 
Dal presidente del Consiglio dei ministri israeliani, Ehud Olmert, emerge il rifiuto di discutere di pace con l’attuale autorità palestinese "terrorista" – perché guidata da Hamas.
Il presidente palestinese è giunto a Oslo dopo il viaggio nella capitale turca Ankara: ha incontrato il presidente norvegese Yines Stultenberg e il ministro degli esteri Ghahar Stoir. Abbas ha affermato che nell’attuale situazione di assedio del popolo palestinese – in cui gli israeliani stanno usando le peggiori tattiche di occupazione –  Israele cerca di trarre profitto per indebolire i palestinesi e imporre la sua volontà.
Abu Mazen ha affermato che l’autorità palestinese è d’accordo con la richiesta israeliana di far discutere le due parti direttamente, ma che è necessaria la presenza di supervisore esterno che sia imparziale e che intervenga in caso di scontro.
Abu Mazen appoggia l’idea di un vertice a quattro (Stati Uniti, Russia, Unione Europea e Onu), ma è risaputo che Israele rifiuta incontri per la pace in Medio Oriente organizzati a livello mondiale, perché teme che si esercitino pressioni per porre termine all’occupazione dei Territori palestinesi.
Israele, tuttavia, non ne ha discusso a lungo, e si è limitata a parlare dell’idea proposta e appoggiata dall’America e dall’Unione Europea. Ha dichiarato che il presidente palestinese non era coerente con la strada che porta alla pace a causa dell’elezione di Hamas alla guida del popolo palestinese e della sua posizione negativa nei confronti di Israele.
Il portavoce del governo israliano ha affermato ieri che Israele non è disposta dunque ad accettare alcuna proposta di discussione con i palestinesi se Hamas non dichiara di essere d’accordo con le decisioni internazionali – riconoscimento di Israele, accordi tra Israele, l’Anp e l’Olp e rifiuto di ogni tipo di violenza e terrorismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.