Israele rifiuta l’appello di Hamas per una tregua negli attacchi militari.

La scusa addotta dal governo israeliano è sempre la stessa: "Noi non trattiamo con i terroristi. Devono prima restituire il soldato rapito e far cessare i loro attacchi". E a seguire, un’altra menzogna: "Decideremo le nostre prossime mosse in accordo con i passi intrapresi dal governo palestinese".

Come se ormai non fosse chiaro a tutti (tranne ai giornalisti del Tg 1,2,3 ecc. e ai politici italiani, e alla succube UE) che le feroci operazioni israeliane attualmente in corso sono state programmate molto tempo prima del "provvidenziale" rapimento del giovane militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.