Israele: Sinai a rischio sequestri per gli israeliani

 

Agenzie – Israele ha emanato un avviso “urgente” ai propri cittadini ingiungendo loro di lasciare immediatamente la penisola egiziana del Sinai, accennando a “prove concrete di un imminente tentativo terroristico volto a rapire degli israeliani.” (Associated Press).

 

Il comunicato, pubblicato dall'ufficio “anti-terrorismo” del primo ministro, ha quindi chiesto alle famiglie di coloro che sono attualmente in vacanza nel Sinai di stabilire dei contatti con i parenti, come ha riportato l'agenzia.

Dall'altra parte, i responsabili della sicurezza egiziana hanno riferito ad Ap che sul posto vi sono al momento circa 35.000 israeliani, e migliaia di altri dovrebbero arrivare nelle prossime settimane.

Alla fine del mese scorso, Israele aveva emanato avvisi simili prima delle festività pasquali scoraggiando a viaggiare in Egitto. La sicurezza egiziana aveva definito i timori espressi dallo stato israeliano “falsi e infondati”.

La radio militare israeliana, tuttavia, comunicò in arabo che anche il dipartimento anti-terrorismo egiziano aveva raccomandato a tutti i turisti israeliani di abbandonare subito il Sinai.

Alcune fonti sostengono che simili messaggi puntano solo a danneggiare il turismo in Egitto, che ogni anno vede l'arrivo di più di 50.000 cittadini israeliani in occasione della Pasqua ebraica. I luoghi di villeggiatura e gli alberghi di Nueweiba, Taba, Ras Satan e Et-Trabin accumulano grossi profitti grazie ai turisti provenienti da Israele.

Le stesse fonti hanno precisato che non è stata adottata nessuna misura di sicurezza speciale nell'area, oltre alle misure ordinarie che vengono prese regolarmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.