Israele tenta di raggiungere un accordo con i palestinesi prima della fine del mandato di Bush.

Tel Aviv – Infopal

Fonti all’interno del governo israeliano hanno rivelato che il primo ministro israeliano Ehud Olmert sta "cercando di raggiungere un accordo con i palestinesi prima della fine del mandato del presidente americano George Bush, nel 2008".

In una dichiarazione alla tv israeliana, il vice-premier Haim Ramon ha affermato che "a seguito della Conferenza di pace indetta dagli Stati Uniti per la fine del mese in corso, si apriranno altre trattative con i palestinese per quanto riguarda le questioni principali, come il futuro di Gerusalemme e i profughi palestinesi".

Ramon ha dichiarato che Olmert ha informato il ministro degli esteri tedesco che "raggiungere un accordo prima della fine della presidenza di Bush è la cosa giusta da fare".

Il vice-premier ha rinnovato il rifiuto del governo israeliano alla richiesta dei palestinesi di definire i tempi per costituire lo Stato palestinese. E ha affermato: "Nel passato non sono mai stati rispettati i tempi", e ha aggiunto che "definire delle scadenze porterà solo a maggiori delusioni".

Ramon ha anche dichiarato che il suo governo è disponibile a concedere che i quartieri arabi palestinesi siano affidati all’autorità del futuro Stato palestinese, mentre quelli ebraici costruiti a Gerusalemme est rimarranno “sotto dominio israeliano”.

In precedenza, Olmert aveva dichiarato che non avrebbe garantito alcun accordo prima della garanzia che i Palestinesi rispettino la Road Map appoggiata dagli Stati Uniti.

Queste dichiarazioni hanno preceduto l’arrivo del Segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice, sabato 3 novembre, in Israele, per effettuare nuove trattative con Olmert e il presidente palestinese Mahmoud Abbas in preparazione alla conferenza di Annapolis.

Il movimento di Hamas ha confermato che "nessuno è incaricato a presentare rinunce ai diritti del popolo palestinese", e ha chiesto ad Abbas di "non violare i principi palestinesi" durante la conferenza di Annapolis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.