Israele vieta il diritto allo studio ai prigionieri palestinesi

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. “Nuove misure di repressione e punizione per detenuti e prigionieri palestinesi. Da oggi, essi non avranno più il diritto di studiare all'interno delle prigioni”.

Questo è quanto annunciato dal governo di Israele da dove si definiscono “privilegi” quelli concessi finora ai detenuti palestinesi.

Il premier israeliano Netanyahu ha precisato: “Pur prestando attenzione alla legge internazionale e ai trattati sottoscritti, all'attuale stato dei fatti, Israele può ritenersi esonerato da certe logiche”.

La società palestinese dei prigionieri intanto, ha riportato un aumento delle violazioni (fisiche e illegali) ai danni dei detenuti palestinesi nel mese in corso.

Per la leadership di Hamas: “la decisione del governo d'occupazione è una reazione alla propria incapacità di accedere a informazioni sul caporale rapito dalla resistenza palestinese nel 2006, Gilad Shalit”.

Il portavoce del Movimento di resistenza islamica, Hamas, Sami Abu Zuhri ha infatti affermato: “Le ultime misure punitive contro i prigionieri palestinesi sono una mossa per oscurare il fallimento israeliano nel raggiungere un accordo per lo scambio dei detenuti”.

E anche fonti della sicurezza israeliana hanno ammesso che “la notizia del nuovo divieto israeliano è un mezzo per esercitare pressioni su Hamas”.

Articoli correlati:

Icrc: 'Hamas fornisca informazioni sullo stato di Shalit'. Palestinesi indignati

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.