L’occupazione israeliana chiude due stazioni radio locali.

Jenin – Infopal

Questa mattina, le forze di occupazione israeliane hanno invaso le sedi delle stazioni radio Sawt al-Quds ed al-Majd, situate nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania, sequestrandone le attrezzature e ordinandone la chiusura.

La direzione della radio Sawt Falastin, a Gaza, ha condannato la chiusura della sede di Jenin e il sequestro delle apparecchiature, e ha sottolineato che tali azioni sono parte di una strategia di persecuzione contro giornalisti e operatori della comunicazione.

E ha aggiunto che la chiusara dell’emittente intende "zittire una voce importante della resistenza e dell’unità nazionale in Palestina e impedire che la verità su quanto sta accadendo al popolo palestinese venga diffusa".

La direzione ha chiesto alle organizzazioni internazionali, a Reporter senza Frontiera, l’Ordine dei giornalisti, i Centri per la Difesa dei Diritti Umani, di "rivelare i crimini israeliani contro la libertà di informazione".

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.