La Cancelliera Merkel in Israele: i leader politici palestinesi condannano la posizione tedesca.

Ramallah – Infopal

Omar al-Ghul, consigliere del primo ministro palestinese in Cisgiordania, Salaam Fayyad, ha definito le visite europee e americane nell’area, "un mezzo per sostenere Israele".

In una dichiarazione alla stampa, al-Ghul ha fatto sapere che "la comunità internazionale guarda alla zona con un solo occhio", e ha invitato a "migliorare le posizioni europee e americane per realizzare quella pace di cui ha parlato il presidente americano George Bush, prima della fine dell’anno in corso e a costituire lo stato palestinese".

Per quanto riguarda la visita della cancelliera tedesca Angela Merkel, al-Ghul ha affermato che "le dichiarazioni che l’hanno preceduta, riguardanti il suo appoggio ad Israele, non promettono bene".

Per ciò che concerne le richieste palestinesi per una conferenza per la pace, al-Ghul ha dichiarato: "Qualsiasi conferenza deve prendere in considerazione gli interessi nazionali palestinesi, senza limitarsi soltanto a quelli della sicurezza israeliana.
Di conseguenza, qualsiasi scelta per sicurezza dell’area non avrà valore se non terrà conto delle istanze palestinesi".

Il movimento di Hamas ha condannato con forza le dichiarazioni della cancelliera tedesca Angela Merkel, che ha attaccato le posizioni positive di alcuni politici europei nei confronti della questione palestinese. Hamas ha sottolineato che la visita ha l’intento di esprimere la solidarietà della Germania a Israele e partecipare al 60° anniversario della sua fondazione.
E ha aggiunto che le affermazioni della Merkel sono "la dimostrazione del deterioramento morale di questa cancelliera, a causa del suo appoggio incondizionato a un’entità occupante che commette massacri e i crimini contro bambini, donne, anziani palestinesi. Ella chiude un occhio sull’olocausto compiuto contro gli abitanti della Striscia di Gaza, e si ricorda solo di quello nazista contro gli ebrei".

Da parte sua, al-Khudari, presidente del Comitato Popolare per affrontare l’assedio, e deputato indipendente, ha invitato la cancelliera tedesca in visita in Israele a chiarire la propria posizione nei confronti l’assedio israeliano imposto sulla Striscia di Gaza: "E’ una posizione in contraddizione con ogni morale e civiltà umana".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.