La Cina sostiene l’aspirazione palestinese verso l’Onu

 

Pechino – Reuters. Il ministro degli Esteri cinese ha dichiarato ieri,martedì 20 settembre,

di comprendere e sostenere l'aspirazione palestinese a diventare membro dell'Onu,

ma non si è espresso su come voterà al riguardo.

La Cina “crede che definire uno stato sia un diritto legale che non può

essere negato al popolo palestinese e che sia la base e la precondizione per una coesistenza

pacifica tra Palestina e Israele”, ha detto il portavoce del ministro, Hong Lei.

“Per quanto riguarda la definizione di uno stato indipendente palestinese e la richiesta

alle Nazioni Unite, esprimiamo comprensione e sostegno”, ha detto in conferenza stampa.

“Nel contempo, crediamo che la comunità internazionale debba aumentare gli sforzi

per assicurare un ritorno nel breve periodo a trattative tra Palestina e Israele”.

 

La Cina ha sempre avuto stretti rapporti con i palestinesi, ma anche buoni

rapporti con Israele, specialmente nel campo della difesa.

 

Gli Stati Uniti e Israele sostengono che uno stato palestinese potrebbe

emergere attraverso trattative di pace tra Palestina e Israele, cosa impossibile se i palestinesi

dichiarano uno stato unilateralmente.

Washington ha promesso di porre il veto sulla richiesta palestinese al Consiglio di Sicurezza all'Onu. 

I palestinesi dicono che i negoziati di pace mediati dagli Usa sono falliti,

in parte a causa delle continue costruzioni di colonie ebraiche in 

Cisgiordania che non hanno lasciato loro alcuna scelta se non quella del riconoscimento senza attendere l'accordo di Israele.

Il presidente Mahmoud Abbas ha dichiarato al Segretario Generale dell'Onu Ban Ki-moon che avrebbe proseguito con la richiesta di voto sul riconoscimento dello stato palestinese al Consiglio di Sicurezza, previsto per venerdì.

Traduzione per InfoPal a cura di Federica Daga

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.