La Gaza Freedom Flotilla e la storia di un palestinese di Gaza: Ahmad al-Dahshan

Gaza – Infopal. Non avrebbe mai immaginato Ahmad al-Dahshan di poter rimettere piede nella Striscia di Gaza dopo la terrificante esperienza a bordo della nave “Mavi Marmara”, assaltata dai commando israeliani responsabili dell'assassinio di nove membri dell'equipaggio.

La storia di al-Dahshan, 50 anni, è quella della cooperazione tra i servizi segreti egiziani e quelli israeliani.

Pochi mesi fa, al-Dahshan, era uscito dalla Striscia di Gaza con la moglie, malata di tumore, per raggiungere la capitale turca e finalmente poter ricevere le cure adeguate.

Poiché il valico di Rafah, al confine con l'Egitto, resta chiuso quasi sempre, al-Dahshan aveva pensato di fare un viaggio alla Mecca prima di tentare di entrare a Gaza attraverso l'Egitto.

Arrestato dai sevizi di sicurezza egiziani, al-Dahshan, è stato sottoposto a quattro giorni di interrogatorio alla fine dei quali, le autorità egiziane gli hanno riferito la triste notizia.

Al-Dahshan non sarebbe più ritornato a Gaza a causa della sua affiliazione ad Hamas.

Una volta rilasciato, al-Dahshan si è messo immediatamente in contatto con alcuni studenti, nella speranza di unirsi al grande convoglio umanitario e rientrare a Gaza.

Registrati i nomi dei due coniugi, il viaggio della Gaza Freedom Flotilla ha avuto inizio e, pieni di regali per i familiari a Gaza, i due già guardavano verso la casa ad al-Zaytoun, quartiere a sud est della città di  Gaza.

Dahshan racconta: “Tutti i passeggeri di Mavi Marmara erano entusiasti di poter raggiungere Gaza e di lanciare un forte messaggio per rompere definitivamente l'assedio”.

 

Poi, l'attacco israeliano ha avuto il sopravvento sul clima di gioia: “Era evidente che i soldati israeliani fossero desiderosi di sangue (…). Sono degli assassini”.

Giunti da elicotteri e gommoni, sulla nave i soldati si sono divisi in due gruppi: il primo si è diretto contro la cabina del pilota e l'altro si accaniva contro i passeggeri.

“Abbiamo assistito allo spargimento di sangue fino a che ci hanno bendato gli occhi e ci hanno condotto nel carcere di Bi'r es-Sab' (Beersheba) su veicoli blindati”.

Durante l'interrogatorio mi è stato chiesto di tutto, fino alla condizione economica e di sicurezza in cui verte la Striscia di Gaza.

Il 2 giugno, al-Dahshan è stato rilasciato, dopo essere stato costretto a firmare l'espulsione e dove, tra le altre cose, si leggeva: “Ordine di rientro immediato nella Striscia di Gaza… sua moglie la aspetta”.

Una volta raggiunta Gaza, al-Dahshan ha invece appreso che la moglie era stata deportata in Turchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.