La Giustizia capovolta: I criminali chiedono risarcimenti alle vittime.

I criminali chiedono risarcimenti alle vittime.
Il Comitato ministeriale israeliano ha approvato una bozza di risoluzione per obbligare l’Autorità nazionale palestinese a pagare i risarcimenti agli israeliani per i "danni umani e le perdite materiali causate dai razzi Qassam e da altri missili lanciati contro gli insediamenti".
I risarcimenti comprendono i costi per le cure mediche e psicologiche degli israeliani.

La risoluzione, che è stata presentata da diversi parlamentari della Knesset e sostenuta dal governo israeliano, prevede che i risarcimenti vengano dedotti dalle tasse e dalle altre rimesse palestinesi che Israele illegalmente trattiene.
 
Il deputato del Raggruppamento Democratico Nazionale, Jamal Zahalika, ha dichiarato che la risoluzione è "estremamente vergognosa": "E’ assurdo che il criminale voglia risarcimenti dalla vittima, dal momento che la Knesset ha approvato una risoluzione che proibisce ai palestinesi di chiedere risarcimenti se essi sono esposti a attacchi militari israeliani, persino se non sono coinvolti in attività di resistenza".
Il parlamentare ha invitato l’Anp e le organizzazioni palestinesi a denunciare i crimini di guerra israeliani (riconosciuti come tali dalla Corte internazionale di Giustizia dell’Aia, dalle Nazioni Uniti, da Amnesty International e da molte altre organizzazioni per la difesa del diritto internazionale e dei diritti umanitari, ndr).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.