La giustizia israeliana rinvia udienza sul caso di Abu Tir

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Un altro rinvio è giunto dalla giustizia israeliana sul caso di Mohammed Abu Tir, deputato del Consiglio legislativo palestinese (Clp), a rischio di espulsione dalla propria città natia, al-Quds (Gerusalemme) e in carcere con l'accusa di “risiedere illegalmente in città”.

Israele gli aveva negato il rinnovo del documento d'identità.

Più volte Abu Tir aveva espresso la propria determinazione a preferire la detenzione alla deportazione.
Il deputato palestinese afferma di non voler accettare nessuna condizione per il proprio rilascio al di fuori di quella che lo vedrebbe far ritorno nella propria casa a Gerusalemme.

La difesa di Abu Tir, nella persona di Osama as-Sa'adi condanna l'ultimo rinvio deciso dal tribunale (programmato l'8 dicembre prossimo) giustificato con l'attesa del parere del ministro dell'Interno.

“La questione ha un carattere puramente politico e questo è illegale oltreché essere un ricatto”, ha dichiarato as-Sa'adi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.