La Lega Araba decide che a settembre si andrà all’Onu

Doha – PNN. Il Comitato di ispezione della Lega Araba ha deciso ieri che “a settembre si andrà all'Onu per chiedere il riconoscimento dello Stato palestinese e la sua accettazione a pieno titolo nella comunità internazionale, così come preannunciato dal segretario generale della Lega Araba Nabil al-'Arabi dopo un incontro a Doha tra i membri del Comitato”.

“Il Comitato ha deciso di recarsi alle Nazioni Unite e invitare tutti i suoi Stati membri a riconocere lo Stato palestinese, perché si mobilitino per una piena adesione della Palestina, sia presso il Consiglio di Sicurezza sia all'Assemblea Generale”. Queste le dichiarazioni di al-'Arabi.

Nelle stessa dichiarazione finale, tutti gli Stati arabi si sono impegnati a sostenere la mossa diplomatica per uno Stato palestinese entro le frontiere occupate da Israele nel 1967 con Gerusalemme Est capitale. Così stando le cose, 130 paesi su 192 sono a sostegno della risoluzione.

Il presidente dell'Autorità palestinese (Anp), Mahmoud 'Abbas aveva comunicato l'intenzione di recarsi all'Onu con questo scopo già all'inizio dell'anno, subito dopo il rifiuto israeliano di congelare le attività coloniali in Cisgiordania e quello di condurre negoziati in grado di portare seriamente a un accordo di pace finale.

La scorsa settimana il Congresso Usa aveva approvato un disegno di legge con il quale bloccare i finanziamenti a favore dell'Anp proprio nell'eventualità in cui a settembre i palestinesi dovessero rivogersi all'Onu con questo obiettivo. La Casa Bianca aveva anche fatto sapere di essere pronta a contrapporre il veto a quel voto.

Nel mese in corso, si svolgerà presso le Nazioni Unite un dibattito sul voto di settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.