La Muqata’ah assediata dalle forze israeliane. 3 palestinesi uccisi e decine di feriti. 150 palestinesi imprigionati.

3 palestinesi sono stati uccisi e un numero imprecisato feriti, a seguito dell’attacco israeliano del quartier generale della Muqata’ah, a Nablus, questa mattina.

La Muqata’ah ospita le forze di sicurezza nazionali e il corpo di sicurezza preventiva palestinese, l’unità speciale di polizia e una prigione.

Fonti palestinesi hanno dichiarato che al personale medico è stato permesso raggiungere i tre morti che si trovavano alla Muqata’ah.

I militari israeliani hanno imprigionato il personale medico dentro il ministero della Sanità palestinese che ora usano come caserma e centro di detenzione per verificare l’identità di coloro che vengono uccisi.

Le tre persone morte erano state crivellate di proiettili e lasciate a sanguinare per ore senza permettere al Red Crescent di entrare nella Muqata’ah e prestare soccorso. L’emorragia li ha portati alla morte.

Migliaia di familiari delle forze di sicurezza palestinesi e dei prigionieri sono entrati in un’aerea vicino alla zona sigillata della Muqata’ah, preoccupati per l’incolumità dei loro cari, mentre i militari israeliani continuano ad assediare il plesso.

Attualmente ci sono 150 palestinesi imprigionati dentro il quartier generale della Muqata’ah e dentro la prigione.

Forze israeliane supportate da decine di tank e bulldozer hanno assaltato Nablus da tutte le direzioni  sparando senza sosta. Hanno circondato il quartiere generale della Muqata’ah e la prigione. Hanno usato altoparlanti per chiedere alle forze di sicurezza palestinesi di evacuare, sostenendo che dei “ricercati” fossero nascosti negli edifici.

Un poliziotto palestinese è stato ucciso al momento dell’invasione: Mahmoud Bsharat, 27 anni. 

50 veicoli militari israeliani e 3 tank hanno circondato la prigione, impedendo a ambulanze e giornalisti di entrare in tutta l’area.

Questa nuova invasione segue l’uccisione di un soldato israeliano e il ferimento di sei avvenuto lunedì e causato da un ordigno lanciato contro una pattuglia nella città vecchia di Nablus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.