La nave ‘Dignity’ del Free Gaza presa a cannonate da Israele e costretta a far rotta verso il Libano.


Gaza – Infopal.

Ore 16. Lo yacht Dignity, semi-distrutto, ha raggiunto il porto di Tiro, in Libano.

Video: http://uk.youtube.com/watch?v=ZRghMmgQ1kA

Per info: http://www.FreeGaza.org

Ore 9. Questa notte, la nave Dignity, del Free Gaza mov., partita ieri pomeriggio da Larnaca e diretta alla Striscia di Gaza sotto feroce bombardamento israeliano, è stata bombardata a 90 miglia dalla costa di Gaza (acque internazionali) dalle forze israeliane e costretta a far rotta verso il Libano.

La nave imbarca acqua dalle falle provocate dalle bombe.

Dopo l’attacco è stata “scortata” da tre navi da guerra israeliane, verso il Libano. Il presidente libanese ha predisposto navi e soccorsi per l’equipaggio e la delegazione di Dignity.

……………

Comunicato stampa del Free Gaza mov.
For more information, please contact:

(Gaza) Ewa Jasiewicz, +972 598 700 497 / freelance@mailworks.org

(Cyprus) Lubna Masarwa +357 99 081 767 / lubnna@gmail.com

(U.S.) Greta Berlin, +1 310 422 7242 / iristulip@gmail.com

(Larnaca, Cyprus, 10:00 am) martedì 30 dicembre alle 5 del mattino, divese navi da guerra israeliane hanno intercettato Dignity mentre si stava recando in missione umanitaria verso Gaza. Una nave ha speronato l’imbarcazione a prua, danneggiandola pesantemente. I report dai passeggeri e giornalisti a bordo dicono che sta imbarcando acqua e che ha problemi con il motore. Quando è stata attaccata, Dignity era chiaramente in acque internazionali, 90 miglia al largo delle coste di Gaza.

La navi da guerra hanno anche sparato in acqua nel tentativo di fermare l’imbarcazione.

Poiché la barca si sta dirigendo, zoppicante, verso il Libano, i passeggeri sono in contatto con il governo libanese che ha dato il permesso al capitano di attraccare e ha promesso di fornire assistenza se ce ne fosse bisogno. Anche il soccorso cipriota è attivo e ha offerto assistenza. Dignity batte bandiera di Gibilterra, è pilotata da un capitano inglese e ha un passeggero, Cynthia McKinney, degli Usa. L’attacco è stato filmato dai giornalisti, ed equipaggio e passeggeri riferiranno del crimine israeliano in mare una volta arrivati in Libano.

A bordo della barca ci sono dottori che si stavano dirigendo verso Gaza per offrire aiuto negli ospedali.

L’equipaggio e i passeggeri speravano anche di portare via dei feriti, poiché gli ospedali non ce la fanno. Inoltre, Dignity stava portando 3 tonnellate di rifornimenti medici richiesti dai dottori di Gaza.
I tre medici a bordo sono: il dott. Halpin (UK), chirurgo ortopedico, e capitano. Ha organizzato soccorsi umanitari a Gaza in diverse occasioni sia con Dove e Dolphin. Il dott. Mohamed Issa (Germania), pediatra. La dott.ssa. Elena Theoharous (Cipro), chirurgo e parlamentare.

In violazione delle leggi marittime internazionali, Israele ha attaccato un barca di aiuti internazionali in acque internazionali, mettendo in pericolo tutti gli osservatori a bordo. In nessun momento, Dignity si è mai trovata vicina ad acque israeliane. Essi si sono fatti chiaramente identificare e l‘attacco israeliano è stato volontario e criminale.

Alle 11 ora locale, Dignity era ancora in acque internazionali, a 40 miglia al largo di Haifa. I passeggeri e l’equipaggio a bordo sono incolumi, e la barca sta procedendo lentamente verso il Libano.


Notizie correlate nel nostro spazio “Missione: rompere l’assedio” e in

2008-12-29 Larnaca

Dignity parte per Gaza: ‘Fermiamo la follia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.