La Palestina partecipa alla Conferenza ONU sulla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità

New York – WAFA. Lo Stato della Palestina ha partecipato alla diciassettesima sessione della Conferenza degli Stati parte della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, tenutasi a New York.

Il ministro palestinese per lo Sviluppo sociale, Samah Hamad, ha dichiarato che la comunità delle persone con disabilità in Palestina sopporta una quota sproporzionata di sofferenze; ha osservato che il numero di persone con disabilità è raddoppiato negli ultimi otto mesi a causa dell’aggressione israeliana in corso, anche tra i bambini, le madri, i padri e gli anziani, la cui vita è cambiata in modo irreversibile.

Ha chiesto un cessate il fuoco immediato a Gaza e di porre fine alle sofferenze per consentire l’inizio del processo di guarigione per tutti, in particolare per le persone con disabilità.

Il Ministro ha invitato la comunità internazionale a stare al fianco del popolo palestinese e a creare un futuro in cui le persone con disabilità non siano un simbolo di limitazione, ma di forza e potenzialità.

La conferenza ha visto una grande solidarietà internazionale verso lo Stato di Palestina di fronte all’aggressione israeliana.

Gli interventi ministeriali dei Paesi partecipanti non hanno smesso di chiedere il cessate il fuoco a Gaza e l’adesione alle disposizioni della Convenzione che richiedono la protezione delle persone con disabilità, che sono tra i gruppi più colpiti dall’aggressione israeliana contro i civili palestinesi nella Striscia di Gaza.

Nel suo discorso alla conferenza, il vicesegretario generale delle Nazioni Unite Amina Mohammed ha chiesto un immediato cessate il fuoco umanitario a Gaza.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.