La piccola Huda: "Non accetto le scuse degli assassini della mia famiglia".

Dal nostro corrispondente.

Huda Ghaliya, la bambina che ha perso la famiglia a seguito di un feroce attacco israeliano, giovedì 9 giugno, ha parlato di fronte a un gruppo di giornalisti durante una conferenza stampa organizzata del ministero dell’Informazione nella città di Gaza domenica 11. Era presente lo zio paterno.

“Non voglio che vengano lanciate le bombe per uccidere i bambini …”, ha affermato la piccola. E ha aggiunto di essere sicura che i missili israeliani sono stati lanciati intenzionalmente: “Non accetterò le loro scuse .. non accetterò le loro scuse”. 

Quando le hanno domandato come avesse passato la sua prima notte senza la famiglia, non ha potuto rispondere, ma è scoppiata a piangere. Suo zio Younes ha raccontato che le sono stati somministrati dei calmanti e delle medicine, che ha avuto una crisi isterica ed era terrorizzata, e ha aggiunto che tutti i bambini della famiglia Ghaliya sono scioccati e che ora provano orrore del mare.

Il premier palestinese Haniyah abbraccia la piccola Huda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.