La radio israeliana ha riferito che lo Shabak è riuscito a sventare un grande attentato dentro Israele.

La radio ufficiale israeliana ha riferito che gli organi di sicurezza “hanno fatto fallire un piano che intendeva realizzare il più grande attacco della storia di Israele: fare saltare in area un’auto piena di esplosivo a Tel Aviv la sera della pasqua ebraica o durante i giorni di festa”.

La radio ha dichiarato che l’organo di sicurezza generale “Shabak” ha arrestato 19 palestinesi membri di un gruppo appartenente al movimento di Hamas a Qalqiliya, a fine marzo. I militanti, secondo lo Shabak, stavano "pianificando l’operazione".

Fonti militari israeliane hanno confermato che un militante palestinese è riuscito a entrare nella città di Tel Aviv con un’auto imbottita di 100 kg. di materiale esplosivo, ma poi avrebbe deciso di ritornare a Qalqiliya prima di realizzare l’operazione. L’auto è "saltata in area a Qalqiliya senza causare vittime".

Fonti palestinesi hanno spiegato che l’uomo era in possesso di una carta d’identità israeliana ricevuta dopo il ricongiungimento familiare, per questo poteva circolare liberamente con una “vettura con targa israeliana”.

Il capo dello Shabak, Yufqal Deskin, aveva dichiarato in precedenza che gli arabi di Israele, “i palestinesi dentro la linea verde”,  costituiscono un pericolo strategico per Israele.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.