La resistenza palestinese attacca una jeep militare a est di Beit Hanun e bombarda la postazione di Kissofim

Gaza – Infopal. Le Brigate al-Mujahidin in Palestina hanno bersagliato una jeep israeliana con una granata RBG e hanno aperto il fuoco a est di Beit Hanun, a nord della Striscia di Gaza.

In un comunicato stampa di cui il corrispondente di Infopal.it ha ricevuto copia, le Brigate hanno rivendicato l’attacco contro la jeep e gli spari nella orientale di Beit Hanun, affermando di avere fotografato l’operazione.

Nel comunicato si legge che “i nostri combattenti hanno visto le ambulanze correre sul posto per portare via i feriti”. Viene spiegato inoltre che questo attacco “è una risposta alle provocazioni del nemico contro la moschea al-Aqsa, al proseguimento degli scavi sotto di essa e alle ultime uccisioni, e per confermare la scelta della lotta e della resistenza”.

 

Le Brigate al-Quds, ala militare del Jihad Islamico, hanno rivendicato il bombardamento della postazione militare israeliana di Kissofim con due granate pesanti. In un comunicato stampa le Brigate hanno affermato che ieri sera i loro membri sono riusciti a colpire la postazione militare di Kissofim, al centro della Striscia. Anche in questo caso si legge che il bombardamento è avvenuto in risposta alle uccisioni di diversi dirigenti nella Striscia di Gaza e per confermare la scelta della resistenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.