La Turchia espelle l’ambasciatore d’Israele

Ankara – Wafa'. Il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu ha da poco reso nota la decisione di espellere dal paese il rappresentante diplomatico, l'ambasciatore israeliano ad Ankara. Oltre a questo, tutti gli accordi militari tra i due paesi sono stati sospesi.

E' questo il primo passo del preannunciato “Piano B” previsto dalla Turchia di fronte al rifiuto israeliano di porgere le scuse per l'attacco omicida ai danni della nave di aiuti turca Mavi Marmara, diretta a Gaza, il 31 maggio del 2010, quando nove attivisti turchi furono assassinati.

 

Dal The New York Times. L'anticipazione della pubblicazione di venerdì del rapporto delle Nazioni Unite sulle violenze a bordo della flotilla diretta a Gaza, l'anno scorso, ha portato a un ulteriore inasprimento dei rapporti-chiave in Medio Oriente, tra Israele e la Turchia, dopo che la Turchia ha espulso l'ambasciatore israeliano.

Ieri, la Turchia ha espulso l'inviato e ha sospeso la cooperazione militare dopo aver insistito per delle scuse israeliane prima che il report fosse pubblicato. 

Israele afferma che non presenterà le proprie scuse. Dirigenti israeliani dichiarano che il rapporto non richiede scuse da parte di Israele, stabilendo invece che Israele deve esprimere dispiacere e pagare delle compensazioni.

Un dirigente israeliano ha riferito ieri che il rapporto mostra che le azioni di Israele furono compiute nell'ambito della legge internazionale. Egli ha detto che Israele spera che i due Paesi possano ora “ritornare alla cooperazione che rappresenta una pietra miliare della stabilità regionale”.

Ha parlato in condizioni di anonimato, perché il report doveva ancora essere divulgato ufficialmente. Ha affermato che Israele aspettava che venisse reso pubblico dall'Onu, ieri, venerdì.

Le relazioni tra la Turchia e Israele, un tempo strette, sono declinate, in anni recenti, poiché la Turchia ha voltato le spalle all'Occidente. Si sono deteriorate fortemente dopo il bagno di sangue della Flotilla.

Il rapporto Onu afferma che “la Turchia e Israele devono riesumare piene relazioni diplomatiche, ripristinare la loro relazione nell'interesse della stabilità del Medio Oriente e della pace e sicurezza internazionale”.

La Turchia ha annunciato l'espulsione dell'ambasciatore israeliano e la sospensione della cooperazione militare ore prima che il rapporto fosse pubblicato, la più significativa crisi nei legami tra i due Paesi dall'attacco sanguinoso alla flotilla, l'anno scorso.

Articolo completo: 

 

http://www.nytimes.com/aponline/2011/09/02/world/europe/AP-EU-Turkey-Israel.html?_r=1&hp

 

 

Articoli correlati:

Rapporto Onu: 'Legale il blocco su Gaza. Israele fece uso eccessivo della forza'

 

(Nella foto: Gabby Levy, ambasciatore israeliano ad Ankara. Hürriyet Daily News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.