La veglia dei politici italiani a favore del Golia israeliano. Le leggi naturali sono ormai capovolte.

Una bella veglia di solidarietà non con un popolo oppresso da sessant’anni o con uno stato sovrano bombardato, ma con Israele, una delle maggiori potenze del mondo e responsabile di crimini contro l’umanità di cui dovrà rispondere di fronte alla Storia e di cui molti cittadini italiani sono ormai sempre più consapevoli – nonostante la penosa informazione dei media.
(…)
Per Israele una grande veglia bipartisan: con Veltroni e Fassino, Giovanardi e Pera, Bondi e Boato, Cesa e Castelli, Capezzone e D’Elia. E poi Ferrara, Colombo, Polito, Guzzanti, Rossella. Berlusconi, applauditissimo, ha inviato un messaggio, ma la vera ovazione è per Gianfranco Fini, il leader di An. «Dove sono adesso i pacifisti italiani? I paladini di tutti i popoli che soffrono, ma mai paladini del popolo d’Israele — esordisce il neo-eletto presidente degli ebrei italiani, Renzo Gattegna —. L’assenza stasera di alcuni ci amareggia…».
L’ambasciatore d’Israele, Ehud Gol, è ancora più duro: «Noi vogliamo solo una vita normale, università, cinema, autobus, supermercato. E invece dobbiamo fare i conti ogni giorno con i terroristi di Hamas e di Hezbollah. Bisogna distruggere le infrastrutture di questi terroristi. Dobbiamo farlo per noi, per il Libano, per tutti i popoli arabi. Il precedente governo italiano lottò per inserire Hamas nella lista dei terroristi internazionali. Ora ci aspettiamo che anche il nuovo governo (sono presenti i sottosegretari Vernetti e Levi, ndr) faccia lo stesso per Hezbollah». Fischi per Rutelli che, collegato al telefono, dice: «La reazione di Israele non è stata proporzionata».
Qualcuno nota pure l’assenza del neo-ministro degli Esteri D’Alema. Solo applausi, invece, per Fassino: «Mai l’Europa accetterà qualunque messa in discussione dell’esistenza dello Stato d’Israele». E battimani anche per Fini: «Uno Stato ha il diritto di difendersi quando è attaccato militarmente». La conclusione di Riccardo Pacifici, però, lascia a tutti l’amaro in bocca: «Noi siamo qui ad applaudire mentre i nostri fratelli laggiù sono nei bunker».
Fabrizio Caccia
18 luglio 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.