‘L’accordo di scambio non impedirà agli Usa di perseguire i palestinesi liberati’

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il giorno dopo l'implementazione dell'accordo di scambio raggiunto tra Hamas e Israele, con la liberazione di 477 palestinesi e quella dell'ex caporale Gilad Shalit, non si arrestano le minacce di Israele su oltre 1,5milione di palestinesi di Gaza, sempre nella morsa dell'assedio, mentre ne emergono altre, indirizzate direttamente contro gli ex detenuti palestinesi, liberi da ieri.

David Biden, del Centro di Ricerca per il Vicino Oriente, ha riferito, ancora una volta alla radio israeliana, che “gli Stati Uniti sono in grado di perseguire i palestinesi che si erano macchiati dell'uccisione di coloni israeliani con cittadinanza americana e che da ieri sono liberi”.

La legge alla quale fa riferimento Biden può applicarsi anche ai reati che hanno coinvolto cittadini americani (i coloni di Israele, ndr) al di fuori del territorio statunitense e hanno efficacia anche a dieci anni dall'illecito.

Per questo, rivolgendosi all'ambasciatore Usa in Israele, Dan Shapiro, Biden ha chiesto espressamente di fare uso di questa legge contro circa 40 palestinesi, commentanto: “Se questi palestinesi vengono sottratti alla legge israeliana attraverso questo tipo di rilasci, non sfuggiranno a quella americana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.