L’Anp di Ramallah prosegue la campagna di arresti tra le fila di Hamas: 64 persone imprigionate.

 

Cisgiordania – Infopal. Nonostante gli ordini che Mahmud ‘Abbas ha dichiarato ieri di aver emesso per il rilascio dei detenuti di Hamas in Cisgiordania, le forze di sicurezza dell’Anp hanno effettuato una campagna senza precedenti, arrestando 64 sostenitori di Hamas in Cisgiordania, tra cui la moglie di un detenuto, due professori e sette studenti universitari, cinque ex detenuti, un giudice e un consigliere comunale. 

Nella provincia di Qalqilya, le forze di sicurezza hanno arrestato 15 affiliati, tra cui l’ex detenuto Ahmad Mohammad Yusef Sanifa, Mahmud Yasin –  figlio di un combattente di al-Qassam, Mazen Yasin, defunto – e il prof. Mamduh Barry. 

Nella provincia di Nablus, i fermati sono stati 16, tra cui Samah an-Nadi – moglie del detenuto Riyad an-Nadi – il professore universitario ‘Abdullah al-Hakawati, l’ex detenuto Bassam Dwaykat e l’imam della moschea an-Nur Shaikh Mohammad al-Mallah.

Le forze di sicurezza hanno inoltre messo agli arresti domiciliari Wafa Mana‘, moglie del prof. ‘Isam al-Ashqar, detenuto nelle prigioni dell’occupazione.

Nella provincia di Salfeet sono stati arrestati 9 membri di Hamas, tra cui il prof. Hamada ad-Dik, l’ex detenuto ‘Amer Tawfeeq Mar‘ay, Mohammad Mahfudh (15 anni) e ‘Ikrima ‘Aziz Mar‘ay, fratello di Adnan Mar‘ay, combattente di al-Qassam ucciso. 

Arrestati invece 6 membri nella provincia di Hebron, tra cui i professori Yusef Isma‘il Hamdan e Nidaa Jawabra (quest’ultimo insegnava nell’università cittadina). 

5 arresti nella provincia di Ramallah tra cui il giornalista Ibrahim ‘Abd ar-Rahman ‘Ayesh e il giovane Ahmad Sulayman Aleyyan (18 anni). 

Nella provincia di Betlemme, le forze di sicurezza hanno fermato 6 uomini, tra cui il consigliere comunale della cittadina di Janata Mustafa al-‘Aruj, fratello del martire di al-Qassam Taha al-‘Aruj. 

Nella provincia di Jenin, in 4 sono stati fermati dagli uomini dell’Anp, tra cui il giudice e shaikh ‘Abdullah Harb, a pochi giorni dalla sua liberazione dalle prigioni dell’occupazione israeliana.

Le forze di sicurezza preventiva a Jenin hanno inoltre invaso in maniera selvaggia la casa del detenuto Zuhayr Kamel Mahmud, nella cittadina di Siris, forzandone le porte e sequestrando tutti i libri della sua biblioteca personale.

2 uomini sono stati invece arrestati nella provincia di Ariha, tra cui il commerciante ‘Imad Hamdi Wahba.

Arrestato infine Farhan ‘Abd al-Karim nella provincia di Tubas.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.