L’appello: ‘Contro l’apartheid israeliano: boicottiamo la fiera di Vicenza’.

 

Riceviamo dal Forum Palestina e pubblichiamo.

Vicenza, sabato 16 gennaio
Contro l'apartheid israeliano:  boicottiamo la fiera di Vicenza.

Sabato 16 gennaio, ore 18, piazza Matteotti, Vicenza.
Presidio in occasione del Galà della Fiera, con la presenza di rappresentanti di Israele.

Nell´anniversario dell´agressione israeliana alla popolazione di Gaza denominata “piombo fuso” circa 1.400 attivisti da 43 paesi si sono riuniti nelle scorse settimane al Cairo sulla via per Gaza per unirsi ai Palestinesi che marciavano per interrompere l´illegale assedio israeliano.
In questi giorni a Vicenza si svolge FIRST, la principale mostra fieristica mondiale dell´oro e dei diamanti.
All´interno della Fiera ci sono ditte israeliane che lavorano i diamanti e organismi governativi dello stato d´Israele che promuovono, sostengono e commerciano i diamanti. In fierà dunque son presenti gli stand di uno stato che sta compiendo un vero e proprio genocidio del popolo palestinese: se vogliamo imperdire questo genocidio bisogna boicottare politicamente, socialmente ed economicamente il governo israeliano e chi collabora con Israele.
Qui a Vicenza noi possiamo boicottare i rapporti economici e culturali tra la Fiera di Vicenza e lo stato di Israele.

Vogliamo con questa azione oggi qui denunciare:
l´attuale punizione collettiva che Israele infligge ai Palestinesi attraverso
l´occupazione e l´assedio illegale di Gaza;
l´occupazione illegale della Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, e il proseguimento della costruzione illegale del muro dell´Apartheid e delle colonie;
il nuovo muro che stanno costruendo Egitto e USA che addirittura rafforzerà
l´assedio di Gaza;
il disprezzo per la democrazia Palestinese mostrato da Israele, USA, Canada,
Unione Europea ed altri dopo le elezioni Palestinesi del 2006;
i crimini di guerra commessi da Israele durante l´invasione di Gaza un anno
fa;
la continua discriminazione e repressione che i Palestinesi affrontano
all´interno di Israele;
la continuazione dell´esilio per milioni di rifugiati Palestinesi;
tutti i suddetti atti di oppressione trovano fondamentalmente origine
nell´ideologia sionista che è alla base di Israele;
sappiamo che i nostri governi hanno dato ad Israele diretto supporto
economico, finanziario, militare e diplomatico, consentendogli di agire con
impunità;
e memori della Dichiarazione ONU dei Diritti dei Popoli Indigeni (2007)

Vogliamo qui oggi riconfermare il nostro impegno per:
L´Auto-Determinazione dei Palestinesi
La fine dell´Occupazione
Pari diritti per tutti all´interno della storica Palestina
Il pieno diritto al ritorno per i rifugiati Palestinesi
Vita, terra e libertà per la Palestina.

 
Associazioni vicentine per la Palestina

Intendiamo chiedere al sindaco di togliere l'adesione del Comune di Vicenza a questa iniziativa.

Per sottoscrivere l´appello a titolo personale o come associazione, partito, ecc., scriva a gcraniero@libero.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.