L’appello del CLP: le condizioni di salute di Dwaik stanno peggiorando.

Gaza – Infopal. Ieri, la presidenza del Consiglio Legislativo palestinese ha lanciato l’allarme sulle sempre più precarie condizioni di salute del portavoce parlamentare Aziz Dwaik, sequestrato e imprigionato dalle autorità israeliane due anni fa. 

La famiglia Dwaik ha fatto sapere che il portavoce del CLP ha subito un’operazione chirurgica nell’ospedale della prigione dove è rinchiuso, eseguita in condizioni igienico-sanitarie inadeguate.

La presidenza del parlamento palestinese ha accusato il governo di Israele di "mettere volutamente a repentaglio la vita di Dwaik, trattendolo nell’ospedale della prigione in condizioni sanitarie pessime e non garantendogli il diritto di farsi curare in ospedali esterni, come prevedono le leggi internazionali".

Dwaik è in prigione da due anni, senza imputazione se non quella di "appartenere a Hamas". Si tratta, dunque, di motivazioni politiche. Stessa sorte è toccata ad altri 43 tra ex ministri, parlamentari e sindaci palestinesi.

Il CLP ha rivolto un appello al Segretario generale della Lega Araba, Amre Mousa, e al Segretario generale dell’Onu, Ban-Ki-Moon, affinché esercitino pressioni su  Israele per il rilascio di Dwaik.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.