L'Assessore alla pace della provincia di Napoli in missione di pace in Libano.

Dal 7 maggio Isadora D’Aimmo, Assessore alla pace, Immigrazione, Cooperazione Internazionale della Provincia di Napoli è impegnata in una missione in Libano finalizzata allo studio e alla realizzazione  di interventi di cooperazione decentrata a favore della popolazione locale .

Tale missione si svolge nell’ambito del programma  Art Gold  Libano promosso dall’UNDP in collaborazione  con il Ministero Affari Esteri ed il governo libanese.

Inoltre  l’Assessore ha partecipato in qualità di relatrice  alla Conferenza  Internazionale sull’Editoria Araba che si è svolta a Beurut i giorni 8 e 9 maggio ,nella sede dell’Unesco, in cui sono intervenuti  i più illustri rappresentanti della realtà editoriale e culturale del mondo arabo.

In  Libano l’Assessore D’Aimmo, alla guida di una delegazione composta da rappresentanti istituzionali, tecnici ed  esponenti  della società civile, sta partecipando ad una lunga serie di incontri con funzionari degli organismi internazionali e del governo libanese, con rappresentanti delle istituzioni politiche locali e con  numerosi soggetti  sociali  ed economici delle comunità locali dei territori visitati.

Nell’ambito di tale missione sono state inoltre effettuate  una serie di visite ai campi dove risiedono i rifugiati palestinesi e di incontri con i responsabili delle ong e delle associazioni che lavorano al loro interno.

Di seguito il calendario degli incontri:

Il 7 maggio la delegazione della Provincia di Napoli, dopo una riunione tecnica con Luigi  Cafiero, responsabile UNDP del Programma Art Gold Libano, ha incontrato Ibrahim Chahrour e Amal Watfa Karaki, funzionari del Consiglio per lo Sviluppo e la Ricostruzione, referenti  del programma  presso il Governo del Libano.

Nel pomeriggio l’Assessore D’Aimmo è stata ricevuta dall’Ambasciatore Italiano in Libano e dal responsabile dell’Ufficio Cooperazione Antonio Rigetti.

Successivamente la delegazione ha partecipato ad una riunione  con il Rappresentante Residente UNDP in Libano, Mona Hamman .

Nel corso di tali incontri si è discusso delle modalità e degli obiettivi della partecipazione della Provincia di Napoli al Programma Art Gold e sono state individuate, come possibili aree di intervento, Beirut Sud, che è la zona della città maggiormente colpita dalle ultime vicende belliche, ed il distretto di Akkar , una delle regioni più povere del paese .

Si è stabilito  quindi che in tale aree la delegazione, come ha fatto, avrebbe incontrato i gruppi di lavoro, previsti dal Programma, in cui sono rappresentati, oltre agli organismi internazionali, tutti i soggetti della comunità territoriale: municipalità, associazioni, cooperative, scuole, imprese, e dai quali, in base all’approccio partecipativo  che è alla base del Programma Art Gold,  saranno individuate le linee progettuali dell’intervento.

Nel pomeriggio la delegazione si è recata in visita nel campo palestinese di Shatila dove ha incontrato Kassem Aina, direttore dell’Associazione Assomoud, che in collaborazione con la Provincia di Napoli e l’associazione  ha realizzato un laboratorio di fotografia e di video rivolto ai giovani di alcuni  campi di rifugiati  palestinesi in Libano.

Nel corso di tale incontro si è discusso della drammatica situazione in cui vivono i rifugiati palestinesi in Libano, delle loro problematiche più urgenti e di eventuali future forme di collaborazione a progetti di sostegno e di aiuto ai giovani dei campi.

Subito dopo, l’Assessore ha visitato anche il Centro di Arti Popolari Al Jana , diretto da Hicham Kayed, che opera nel settore della formazione di giovani in campo artistico, giornalistico e multimediale, con la realizzazione di laboratori artistici e cinematografici.

L’8 maggio la delegazione è stata ricevuta dal Segretario Generale per il Libano della Mezzaluna Rossa Palestinese Dr Mohammad Osman e dalla direttrice dell’unità libanese Elham Yaacoub.

Si è trattato di un incontro di presentazione delle reciproche attività alla ricerca di eventuali forme di collaborazione futura.

Successivamente la delegazione si è recata in visita dell’Ambasciatore Palestinese in Libano, Abbas Zaki.

In tale incontro l’Assessore ha esposto i progetti di cooperazione realizzati dalla Provincia di Napoli in Palestina

Nel pomeriggio la delegazione italiana ha partecipato con il coordinatore dell’UNDP  ad una riunione del gruppo di lavoro  della municipalità di Beirut Sud. In tale incontro sono emerse esigenze molto urgenti sia nel settore della sanità, ed in particolare  dei servizi ai disabili, sia nel settore dell’educazione e della formazione dei giovani .

Alle 18 l’Assessore D’Aimmo ha partecipato alla sessione di apertura della Conferenza delle Case Editrici del Mondo Arabo  con un discorso sull’importanza della promozione della cultura di origine tra gli immigrati anche attraverso la creazione di biblioteche in lingua araba come prevenzione dello sradicamento socio-culturale e come strumento di pace.

Ai margini della Conferenza  l’Assessore D’Aimmo ha anche partecipato ad un incontro bilaterale con la  Consigliera del Ministro della Cultura Iraniano, Dott. ssa Taiba Mahruzadah,  sul tema della necessità del dialogo come metodo per superare le incomprensioni tra le diverse culture e sul ruolo delle donne e sulla questione della II generazione.

Il 9 maggio la delegazione Italiana ha partecipato, presso l’Hotel Crown Plaza di Beirut, ad un seminario sulla salute psicologica dei minori in Beirut.organizzata dal  National Institution of Social Care and Vocational Training.

Alle ore 12 dello stesso giorno la delegazione è stata ricevuta dal rappresentante dell’UNICEF in libano, Roberto Laurenti, per valutare le possibilità di una futura collaborazione, nell’ambito del Programma Art Gold, sulla problematica dell’abbandono scolastico dei bambini e del recupero sociale degli adolescenti .

Successivamente Isadora D’Aimmo è stata intervistata dalla giornalista Chada Assaman presso la radio nazionale “La voce del Libano” sull’impegno della Provincia di Napoli sulla questione della pace in Medio Oriente.

In tale sede la delegazione italiana ha inoltre incontrato il leader politico Kamal Shatila con il quale ha discusso della situazione politica del libano e degli sviluppi della  questione mediorientale.

Nel pomeriggio, dopo aver partecipato alla seconda giornata della Conferenza sull’Editoria Araba,  l’Assessore ha incontrato, ai margini della conferenza, il responsa
bile del dipartimento della cultura e dell’informazione dell’Emirato, il Dott. Osama Taleb Morra per valutare la possibilità di una cooperazione culturale tra i due popoli .

Nella stessa sede Isadora d’Aimmo è stata invitata da Saad Azzahri , presidente dell’AFLI, Arab Federation for Libraries e Information, ad intervenire in due conferenze internazionali che si terranno rispettivamente a Jedda , nel mese di ottobre, e ad Alessandria d’Egitto a marzo 2008.

La sera la delegazione Italiana si è infine incontrata con il regista e produttore cinematografico libanese Jean Khalil Chamoun e con la regista palestinese Mai Masri, molto nota in Italia per i suoi film sulla situazione dei bambini nelle zone di <conflitto.

L’assessore d’Aimmo ha invitato entrambi a partecipare con dei loro film alla rassegna sul cinema palestinese che la Provincia di Napoli sta organizzando in collaborazione con l’Università Orientale e le Donne in Nero per il mese di ottobre 2008.

Il 10 maggio la delegazione italiana si è trasferita in missione nel Nord del Libano, Distretto di Akkar, per conoscerne direttamente  la realtà territoriale e per incontrare i rappresentanti di tre unioni di municipalità e vari gruppi di lavoro settoriali.

Il giorno 10 maggio, nella sede dell’ Unione delle Municipalità di Al Jerd la delegazione ha partecipato, con il coordinatore dell’UNDP a tre gruppi di lavoro sul settore educativo, sull’agricoltura e sul settore sanitario.

L’ultimo giorno, l’11 maggio la missione della delegazione italiana in Libano si è conclusa con l’incontro con i capi delle  unioni delle municipalità di Al Joumeh e di Halba e con la partecipazione alle riunioni dei rispettivi working groups.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L'Assessore alla pace della provincia di Napoli in missione di pace in Libano.

Dal 7 maggio Isadora D’Aimmo, Assessore alla pace, Immigrazione, Cooperazione Internazionale della Provincia di Napoli è impegnata in una missione in Libano finalizzata allo studio e alla realizzazione  di interventi di cooperazione decentrata a favore della popolazione locale .

Tale missione si svolge nell’ambito del programma  Art Gold  Libano promosso dall’UNDP in collaborazione  con il Ministero Affari Esteri ed il governo libanese.

Inoltre  l’Assessore ha partecipato in qualità di relatrice  alla Conferenza  Internazionale sull’Editoria Araba che si è svolta a Beurut i giorni 8 e 9 maggio ,nella sede dell’Unesco, in cui sono intervenuti  i più illustri rappresentanti della realtà editoriale e culturale del mondo arabo.

In  Libano l’Assessore D’Aimmo, alla guida di una delegazione composta da rappresentanti istituzionali, tecnici ed  esponenti  della società civile, sta partecipando ad una lunga serie di incontri con funzionari degli organismi internazionali e del governo libanese, con rappresentanti delle istituzioni politiche locali e con  numerosi soggetti  sociali  ed economici delle comunità locali dei territori visitati.

Nell’ambito di tale missione sono state inoltre effettuate  una serie di visite ai campi dove risiedono i rifugiati palestinesi e di incontri con i responsabili delle ong e delle associazioni che lavorano al loro interno.

Di seguito il calendario degli incontri:

Il 7 maggio la delegazione della Provincia di Napoli, dopo una riunione tecnica con Luigi  Cafiero, responsabile UNDP del Programma Art Gold Libano, ha incontrato Ibrahim Chahrour e Amal Watfa Karaki, funzionari del Consiglio per lo Sviluppo e la Ricostruzione, referenti  del programma  presso il Governo del Libano.

Nel pomeriggio l’Assessore D’Aimmo è stata ricevuta dall’Ambasciatore Italiano in Libano e dal responsabile dell’Ufficio Cooperazione Antonio Rigetti.

Successivamente la delegazione ha partecipato ad una riunione  con il Rappresentante Residente UNDP in Libano, Mona Hamman .

Nel corso di tali incontri si è discusso delle modalità e degli obiettivi della partecipazione della Provincia di Napoli al Programma Art Gold e sono state individuate, come possibili aree di intervento, Beirut Sud, che è la zona della città maggiormente colpita dalle ultime vicende belliche, ed il distretto di Akkar , una delle regioni più povere del paese .

Si è stabilito  quindi che in tale aree la delegazione, come ha fatto, avrebbe incontrato i gruppi di lavoro, previsti dal Programma, in cui sono rappresentati, oltre agli organismi internazionali, tutti i soggetti della comunità territoriale: municipalità, associazioni, cooperative, scuole, imprese, e dai quali, in base all’approccio partecipativo  che è alla base del Programma Art Gold,  saranno individuate le linee progettuali dell’intervento.

Nel pomeriggio la delegazione si è recata in visita nel campo palestinese di Shatila dove ha incontrato Kassem Aina, direttore dell’Associazione Assomoud, che in collaborazione con la Provincia di Napoli e l’associazione  ha realizzato un laboratorio di fotografia e di video rivolto ai giovani di alcuni  campi di rifugiati  palestinesi in Libano.

Nel corso di tale incontro si è discusso della drammatica situazione in cui vivono i rifugiati palestinesi in Libano, delle loro problematiche più urgenti e di eventuali future forme di collaborazione a progetti di sostegno e di aiuto ai giovani dei campi.

Subito dopo, l’Assessore ha visitato anche il Centro di Arti Popolari Al Jana , diretto da Hicham Kayed, che opera nel settore della formazione di giovani in campo artistico, giornalistico e multimediale, con la realizzazione di laboratori artistici e cinematografici.

L’8 maggio la delegazione è stata ricevuta dal Segretario Generale per il Libano della Mezzaluna Rossa Palestinese Dr Mohammad Osman e dalla direttrice dell’unità libanese Elham Yaacoub.

Si è trattato di un incontro di presentazione delle reciproche attività alla ricerca di eventuali forme di collaborazione futura.

Successivamente la delegazione si è recata in visita dell’Ambasciatore Palestinese in Libano, Abbas Zaki.

In tale incontro l’Assessore ha esposto i progetti di cooperazione realizzati dalla Provincia di Napoli in Palestina

Nel pomeriggio la delegazione italiana ha partecipato con il coordinatore dell’UNDP  ad una riunione del gruppo di lavoro  della municipalità di Beirut Sud. In tale incontro sono emerse esigenze molto urgenti sia nel settore della sanità, ed in particolare  dei servizi ai disabili, sia nel settore dell’educazione e della formazione dei giovani .

Alle 18 l’Assessore D’Aimmo ha partecipato alla sessione di apertura della Conferenza delle Case Editrici del Mondo Arabo  con un discorso sull’importanza della promozione della cultura di origine tra gli immigrati anche attraverso la creazione di biblioteche in lingua araba come prevenzione dello sradicamento socio-culturale e come strumento di pace.

Ai margini della Conferenza  l’Assessore D’Aimmo ha anche partecipato ad un incontro bilaterale con la  Consigliera del Ministro della Cultura Iraniano, Dott. ssa Taiba Mahruzadah,  sul tema della necessità del dialogo come metodo per superare le incomprensioni tra le diverse culture e sul ruolo delle donne e sulla questione della II generazione.

Il 9 maggio la delegazione Italiana ha partecipato, presso l’Hotel Crown Plaza di Beirut, ad un seminario sulla salute psicologica dei minori in Beirut.organizzata dal  National Institution of Social Care and Vocational Training.

Alle ore 12 dello stesso giorno la delegazione è stata ricevuta dal rappresentante dell’UNICEF in libano, Roberto Laurenti, per valutare le possibilità di una futura collaborazione, nell’ambito del Programma Art Gold, sulla problematica dell’abbandono scolastico dei bambini e del recupero sociale degli adolescenti .

Successivamente Isadora D’Aimmo è stata intervistata dalla giornalista Chada Assaman presso la radio nazionale “La voce del Libano” sull’impegno della Provincia di Napoli sulla questione della pace in Medio Oriente.

In tale sede la delegazione italiana ha inoltre incontrato il leader politico Kamal Shatila con il quale ha discusso della situazione politica del libano e degli sviluppi della  questione mediorientale.

Nel pomeriggio, dopo aver partecipato alla seconda giornata della Conferenza sull’Editoria Araba,  l’Assessore ha incontrato, ai margini della conferenza, il responsa
bile del dipartimento della cultura e dell’informazione dell’Emirato, il Dott. Osama Taleb Morra per valutare la possibilità di una cooperazione culturale tra i due popoli .

Nella stessa sede Isadora d’Aimmo è stata invitata da Saad Azzahri , presidente dell’AFLI, Arab Federation for Libraries e Information, ad intervenire in due conferenze internazionali che si terranno rispettivamente a Jedda , nel mese di ottobre, e ad Alessandria d’Egitto a marzo 2008.

La sera la delegazione Italiana si è infine incontrata con il regista e produttore cinematografico libanese Jean Khalil Chamoun e con la regista palestinese Mai Masri, molto nota in Italia per i suoi film sulla situazione dei bambini nelle zone di <conflitto.

L’assessore d’Aimmo ha invitato entrambi a partecipare con dei loro film alla rassegna sul cinema palestinese che la Provincia di Napoli sta organizzando in collaborazione con l’Università Orientale e le Donne in Nero per il mese di ottobre 2008.

Il 10 maggio la delegazione italiana si è trasferita in missione nel Nord del Libano, Distretto di Akkar, per conoscerne direttamente  la realtà territoriale e per incontrare i rappresentanti di tre unioni di municipalità e vari gruppi di lavoro settoriali.

Il giorno 10 maggio, nella sede dell’ Unione delle Municipalità di Al Jerd la delegazione ha partecipato, con il coordinatore dell’UNDP a tre gruppi di lavoro sul settore educativo, sull’agricoltura e sul settore sanitario.

L’ultimo giorno, l’11 maggio la missione della delegazione italiana in Libano si è conclusa con l’incontro con i capi delle  unioni delle municipalità di Al Joumeh e di Halba e con la partecipazione alle riunioni dei rispettivi working groups.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.