Le autorità egiziane sbarrano la strada a 'Lifeline 5'. La delegazione proclama lo sciopero della fame

Damasco – InfoPal. Inizialmente avevano posto obiezioni alla presenza di qualche nome sulla lista fornita e avevano impedito che alcuni mezzi si aggregassero al convoglio.

Ora le autorità egiziane pospongono l'intera missione di “Lifeline 5” impedendone l'attraversamento del confine per raggiungere la Striscia di Gaza assediata e portare solidarietà e aiuti umanitari.

Dalla Siria, i membri di “Lifeline 5” annunciano uno sciopero della fame contro l'ultima decisione del governo egiziano mentre in altre capitali europee ed arabe si terranno sit-in di protesta contro l'ultimo ostacolo al convoglio via terra.

Abu Jarra Sultani, presidente del gruppo pacifista algerino “Hams”, ha criticato l'atteggiamento egiziano, definendolo un tentativo di gettare sconforto tra un movimento che finora era stato ottimista e determinato a raggiungere il territorio palestinese assediato da anni.

Rivolgendosi ai delegati provenienti da trenta paesi, Sultani ha chiesto di non cedere a pressioni di questo tipo e di avviare contromisure di sensibilizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.