Le autorità israeliane impongono gli arresti domiciliari a un minore palestinese

Al-Quds (Gerusalemme) – Pal-Info. Un tribunale israeliano ha imposto gli arresti domiciliari a un quindicenne palestinese di Silwan, nella Gerusalemme occupata.

In un comunicato stampa rilasciato domenica, il comitato di difesa di Silwan ha riportato che “a Khaled Uwaida è stato ordinato di restare a casa fino al 15 ottobre, periodo fino al quale gli è stato confiscato il documento d'identità”.

L'arresto è stato condotto il primo giugno davanti alla sua abitazione nella zona di Bustan da un'unità speciale e il ragazzo è stato tenuto in custodia per 25 giorni durante i quali è stato ripetutamente picchiato.

In aggiunta, Uwaida è stato allontanato da Silwan fino al 5 agosto, giorno in cui è stato confinato agli arresti domiciliari.

I gruppi per i diritti umani hanno accusato le autorità d'occupazione israeliane di scagliarsi sui minori di Silwan, evidenziando come decine di essi siano stati arrestati o espulsi con il pretesto del lancio di sassi contro i coloni ebrei.

Traduzione per InfoPal a cura di Federica Rosato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.