Le brigate al-Quds denunciano 5 violazioni israeliane durante la sesta settimana di tregua a Gaza.

Gaza – Infopal. In un rapporto diffuso oggi, le brigate al-Quds, ala militare del Jihad Islamico, hanno denunciato 5 violazioni della tregua nella Striscia di Gaza da parte di Israele, in quest’ultima settimana.

Le brigate hanno affermato che "oltre alle violazioni giornaliere, le forze di occupazione israeliane continuano a non rispettare i punti della tregua: non fanno entrare le merci necessarie alla sopravvivenza nella Striscia; forniscono quantità limitate di carburante; i prodotti che vengono introdotti sono pochi e in pessimo stato".

Violazioni della tregua dalle ore 6 del 24 luglio alle 6 del 31 luglio:

  1. giovedì, 24 luglio, alle ore 9,30 del mattino e per diverse ore, gli aerei da combattimento, “F16” e droni, hanno sorvolato lo spazio aereo della Striscia di Gaza.

  2. venerdì 25 luglio, alle ore 9,30 del mattino e alle 14.30, le motovedette militari hanno sovrastato la zona sud della Striscia seminando il terrore tra i cittadini che sono scappati per paura di un eventuale bombardamento

  3. sabato 26 luglio, gli “F16” hanno sorvolato il centro di Gaza mentre le jeep militari si dirigevano verso la zona di Hajar ad-Dik, a est del centro della Striscia.

  4. domenica 27 luglio, le forze di occupazione hanno sparato contro una manifestazione organizzata da contadini palestinesi in collaborazione con le associazioni per i diritti umani, vicino al Muro elettronico, a nord di Beit Hanoun.

  5. martedì 29 luglio, alle 13,00 gli F16 hanno massicciamente sorvolato i cieli

Il rapporto ha anche parlato della situazione in Cisgiordania, dove "proseguono le aggressioni israeliane e gli arresti contro i cittadini".

Nella stessa settimana sono stati feriti 38 cittadini palestinesi, di cui 30 nella sola Nil’in, e ne sono stati arrestati 36. 52 sono state le aggressioni contro le città e i campi profughi della Cisgiordania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.