Le cluster bomb incubo dei civili.

Da www.ilmanifesto.it del 20 agosto


Le cluster bomb incubo dei civili
Pietro Calvisi
«Tutte le armi e le munizioni usate dalle forze armate israeliane sono legali dal punto di vista del diritto internazionale e il loro uso è conforme alle convenzioni internazionali». Questo è quanto hanno dichiarato alla Bbc i rappresentanti dell’esercito di Tel Aviv interpellati sull’uso delle cluster bomb nel sud del Libano durante i bombardamenti delle scorse settimane. Sul piano teorico questa dichiarazione è sicuramente insindacabile, visto che Israele, ma anche Stati Uniti, Cina, India, Pakistan, Egitto ed altri, non hanno firmato il trattato di Ottawa del 1997 sulla proibizione dell’uso, stoccaggio e trasferimento di mine antipersona e sulla loro distruzione, ratificato invece da 151 paesi, fra cui l’Italia. Tuttavia sul lato pratico l’utilizzo di questo tipo di munizioni va a colpire indiscriminatamente la popolazione civile. Infatti circa il 20% delle bombe non detonano al contatto con il suolo dove rimangono fino a quando un pur piccolo movimento non le fa esplodere.
Le cluster bomb, note anche come bombe a grappolo, vengono utilizzare per rendere impraticabili strade o piste di aereoporti, causare danni a veicoli oppure per uccidere o ferire i soldati nemici. Possono essere lanciate sia dall’artiglieria che dall’aviazione e, nel momento in cui si trovano ad alta quota, si aprono a grappolo, appunto, disperdensosi in un’area assai vasta. «Ancora oggi – ha detto Giuseppe Schiavello, della campagna italiana contro le mine, – in Cambogia, a più di trent’anni dalla fine della guerra, esplodono le cluster bomb. A Sarajevo per esempio, l’anno scorso sono morti due bambini che giocavmo con una di queste bombe. Una delle particolarità di tale armamento – ha aggiunto Schiavello – è data dalle sue piccole dimensione e dal fatto che spesso essendo colorate, o fasciate da un minuscolo paracadute, attirarano l’attenzione dei bambini. A differenza delle vecchie mine antipersona, dove a morire erano circa il 50%, le cluster bomb non lasciano scampo».
Secondo Chris Clark, capo della missione di sminamento dell’Onu nel sud del Libano, dopo un ispezione di circa il 40% dei siti dove sono state utilizzate e ritrovate munizioni israeliane, vi sarebbero bombe pronte ad esplodere in circa 30 località che, probabilmente alla fine delle operazioni di monitoraggio, potrebbero arrivare fino a 100. Il problema infatti si presenta adesso con il rientro degli sfollati nelle case abbandonate durante il conflitto. «Entro sei mesi – dichiara Clark – la situazione sarà sotto controllo ed entro un anno sarà risolta». Ad oggi, dopo un’inchiesta di Rainews24 di alcuni mesi fa, sono 57 i paesi al mondo che ancora possiedono le cluster bomb e 32 quelli che le producono, fra cui anche l’Italia che ha messo al bando le mine nel 1997.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.