Le forze dell’Anp si dispiegano a Tulkarem, a favore di Israele.

Cisgiordania – Infopal

Ieri sera, le truppe del presidente dell’Anp, Mahmoud Abbas, si sono dispiegate a Tulkarem. L’obiettivo ufficiale è "mantenere la sicurezza", ma quello effettivo è stroncare le attività di resistenza contro le forze di occupazione israeliane e di implementare la "Roadmap per la pace".

La Cisgiordania è sotto occupazione israeliana: checkpoint ad altissima tecnologia, carrarmati, spiegamento di migliaia di soldati, legge marziale, controlli, blocchi, divieti nel transito da una città e l’altro, ecc. Le forze dell’Anp non hanno potere effettivo, ma stanno svolgendo soltanto il ruolo di "affiancamento", espletando mansioni repressive di sostegno all’occupazione. La vera autorità è in mano agli israeliani.

Teoricamente, il governo israeliano dovrebbe impegnarsi a bloccare l’espansione degli insediamenti, in cambio della collaborazione palestinese nel fermare la resistenza, tuttavia, ieri, Tel Aviv ha approvato l’ampliamento della colonia di Har Homa, nei pressi di Betlemme. Lo stratagemma? Non considerarlo un insediamento, ma un "quartiere". La stessa cosa accade alle altre centinaia di insediamenti.

Da parte loro, le forze dell’Anp portano avanti con diligenza il compito di reprimere come meglio possono la resistenza palestinese, affermando di tutelare la legge e mantenere l’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.