Le forze di occupazione invadono città e villaggi della West Bank.

All’alba di oggi, le forze di occupazione israeliane hanno assaltato numerose città della West Bank.
Tulkarem, il suo campo profughi, sobborghi di Thinnabeh e il villaggio di Faraoun sono stati attaccati dai militari israeliani tra sparatorie intense, lanci di bombe sonore e illuminazione violenta.

Una forza militare composta da diversi carri israeliani ha invaso la città e il suo campo profughi, e ha perquisito numerose abitazioni civili, danneggiandone gli interni.

Le case perquisite sono di proprietà di Bashir Faruq Mansuri, Hussen Ahmad Hasan Farahat e Thaer Faruq Mansuri.

Una volante israeliana ha assaltato i quartieri del villaggio di Faraoun, a sud, lanciando bombe al suono per terrorizzare i cittadini.

Le forze di occupazione presenti al posto di blocco di Taisir, a ovest della città di Tubas, in Cisgiordania, hanno aggredito un cittadino: uno dei soldati gli ha sequestrato la carta d’identità e quando lui ha richiesto il documento indietro, dopo un’ora di attesa, il militare lo ha picchiato. A quel punto, anche gli altri soldati si sono uniti al pestaggio. 

Nel campo profughi di Balata, a Nablus, le forze di occupazione hanno arrestato due cittadini.

Numerosi mezzi militari israeliani, all’alba di oggi, hanno invaso la città e il capo profughi perquisendo le abitazioni e arrestando il giovane Mohammad Al-Wadi, di 17 anni, e un cittadino del campo profughi di Balata di cui non si conosce l’identità.

Le forze di occupazione hanno invaso il campo profughi sparando all’impazzata contro le case.

A Hebron, i militari israeliani hanno arrestato un medico, il dott. Hatem Mahmud Shahadeh, 54 anni, residente nel quartiere di Abu Ktelah, nel centro della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.