Le forze di occupazione israeliane circondano il quartier generale dell’intelligence palestinese e arrestano 18 militanti.

Questa mattina, le forze di occupazione israeliane hanno arrestato almeno 18 palestinesi, in maggioranza militanti delle Brigate Martiri di Al-Aqsa, ala militare di Fatah, che si trovavano nel quartier generale dell’intelligence palestinese, a Umm Ash-Sharayet, a sud di Ramallah. I soldati israeliani hanno circondato il palazzo e hanno chiesto ai miliziani di arrendersi.

Fonti della sicurezza palestinese hanno reso noto che decine di veicoli militari israeliani, accompagnati da bulldozer, hanno invaso Ramallah e assediato il quartier genereale chiedendo agli attivisti di arrendersi. Poi, hanno iniziato a sparare e a lanciare bombe sonore e granate.

Le operazioni sono iniziate verso mezzanotte.

Le fonti hanno aggiunto che tra gli arrestati, 13 erano attivisti delle Brigate Al-Aqsa; uno forse delle Brigate Abu Ali Mustafa, ala militare del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), e altri 4 non ancora identificati.

Il direttore dell’intelligence militare nella West Bank, gen. Majid Faraj, ha dichiarato che l’attacco israeliano al quartier generale palestinese ha portato all’arresto di oltre 70 ufficiali dell’intelligence.

Ha spiegato che gli israeliani hanno arrestato tutto il personale in servizio, sequestrato molti fucili appartenenti ai militari.

Per quanto riguarda le notizie diffuse dai media israeliani (e di conseguenza da quelli occidentali, ndr), secondo cui nell’edificio sarebbero state trovate armi, il direttore dell’intelligence ha sottolineato che "tutti i corpi di sicurezza nel mondo posseggono armi, che sono in consegna al personale in servizio. Hanno sequestrato 4 Kalashnikov,2 pistole  un fucile M16".

E ha aggiunto che l’operazione israeliana ha l’obiettivo di "frustrare gli sforzi dell’Autorità nazionale per assicurare la legge e l’ordine e per formare il governo di unità".

Insomma, potrebbe essere paragonata all’invasione di Nablus della settimana scorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.