Le forze di occupazione israeliane uccidono attivista di Fatah.

Nablus – Infopal

dal nostro corrispondente

All’alba di oggi, le forze di occupazione israeliane hanno invaso il campo profughi di Balata, a est della città di Nablus in Cisgiordania, e hanno ucciso Ahmad Sanaqra, 23 anni, attivista del movimento Fatah.

Fonti della sicurezza hanno riferito che più di 50 carri militari israeliani hanno invaso il campo profughi di Balata, hanno sparato all’impazzata e hanno imposto il coprifuoco.

I soldati hanno anche circondato il quartiere al-Qur’aan e la casa in cui si trovava Sanaqra, ricercato da anni dall’esercito israeliano, sparandogli a bruciapelo.

Durante la massiccia sparatoria delle forze di occupazione israeliane contro Sanaqra, è stato ferito un bambino di tre anni, che si trovava nella casa.

I militari, inoltre, hanno arrestato tre cittadini palestinesi: Mohammad Hwesa, Yusef Hanoun, Mahmud Shtewi.

Sanaqra era riuscito a salvarsi da vari tentativi di assassinio da parte dell’esercito di Israele: quello più noto avvenne durante l’assedio e la distruzione della sede della Muqata’a, a Nablus, un anno e mezzo fa. Qualche mese fa era stato ferito in maniera grave durante un altro tentativo di omicidio mirato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.