Le forze di occupazione israeliane uccidono un attivista delle Brigate Al-Aqsa.

Dal nostro corrispondente.

All’alba di oggi, il cittadino Nabil ‘Arif Ma’ruf Hanani, 26 anni, attivista delle Brigate Al-Aqsa, ala militare del movimento di Fatah, è stato colpito a morte dalle forze di occupazione israeliane nel villaggio di Sanur, a sud di Jenin.

Testimoni oculari nel paese hanno raccontato che 20 veicoli militari, all’alba di oggi, hanno assaltato il villaggio e circondato la casa in cui si nascondeva Hanani. Ne è scaturito uno scontro con le forze israeliane che hanno fatto irruzione nell’abitazione, catturato il giovane colpendolo poi a morte nel cortile.

Fonti mediche nell’ospedale di Jenin hanno reso noto che il giovane è giunto già cadavere – a causa di tre proiettili che gli hanno trapassato petto e testa.

Hanani risiedeva nel villaggio di Beit Furik, nei pressi di Nablus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.